Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Electronic Arts difende Battlefield 4 e SimCity

Ma ammette gli errori del lancio.

SimCity e Battlefield 4, pur essendo due ottimi giochi, sono stati soggetti a non pochi problemi durante la loro prima fase di "vita". Il primo fu afflitto dal sistema di DRM che prevedeva l'always online pena l'impossibilità di giocare dal proprio PC, mentre il secondo ha avuto, fino a pochi giorni fa, pesanti problemi legati al net-code e quindi l'impossibilità di giocare adeguatamente in multiplayer.

Problemi poi andati risolti, pian pianino, grazie al rilascio di numerose patch correttive. Una situazione però che ha fatto inferocire gli utenti che si sono spesso scagliati in una campagna denigratoria nei confronti di Electronic Arts.

Dal canto suo EA è tornata sull'argomento difendendo i due suoi blockbuster, ammettendo al tempo stesso però gli errori fatti:

"Non credo che il debutto di Batllefield 4 sia stato così tragico come viene descritto dai media. Il gioco di EA-DICE è stato un grande successo su tutte le console e PC, sia dal punto di vista delle vendite che del gameplay. Si è alzato un polverone assurdo intorno al gioco, in quanto più utenti vi sono maggiore è la portata delle lamentele. Stesso discorso vale per SimCity. Non cerchiamo scusanti, siamo consapevoli che sono stati commessi degli errori in passato e sistemeremo questi problemi facendo maggiore attenzione nel prossimo futuro", ha spiegato Rich Hilleman, chief creative officer di Electronic Arts ai microfoni di Rock Paper Shotgun.

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article

Battlefield 4

PS4, Xbox One, PS3, Xbox 360, PC

SimCity

iOS, Nintendo DS

See 1 more
Awaiting cover image
Related topics
A proposito dell'autore
Avatar di Marco Gatto

Marco Gatto

Contributor

Si avvicina ai videogiochi grazie a suo papà, incallito videogiocatore. Inizia a smanettare sin dalla tenera età con Intellivision e Atari VCS 2600. Da lì in poi, l’amore viscerale per i videogiochi non si è più assopito.

Commenti