Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Ex dipendenti di Quantic Dream accusano: "ambiente di lavoro tossico"

Ma David Cage si difende.

Quantic Dream, il celebre studio responsabile di apprezzati titoli come Heavy Rain, Beyond Two Souls e al lavoro sull'atteso Detroit Become Human, è al centro di una forte polemica scatenata da alcuni ex dipendenti, che hanno accusato il fondatore e presidente, David Cage, di aver creato un ambiente di lavoro molto poco piacevole all'interno della compagnia.

Nonostante sia tutto da verificare, sulle pagine di Le Monde e Mediapart alcuni dipendenti, non più tra le fila di Quantic Dream e rimasti anonimi, hanno parlato di spiacevoli episodi di omofobia e razzismo all'interno dello studio. Nello specifico, si fa riferimento a fotomontaggi realizzati per prendere in giro alcuni dipendenti e a immagini legate al nazismo.

La vicenda risalirebbe al 2013, ma Guillaume de Fondaumiere e David Cage, fondatori di Quantic Dream, ne sarebbero venuti a conoscenza solamente nel febbraio del 2017 e, dalle loro dichiarazioni, avrebbero visto solo dei "fotomontaggi ironici".

Ma a quanto pare, questo è solamente l'inizio della vicenda, infatti si parla anche di offese personali e a carattere sessuale, episodi occasionali di razzismo e prolungamento dei turni di lavoro.

David Cage è tempestivamente intervenuto sulla questione rispondendo alle pesanti accuse e, come leggiamo su Eurogamer.net, si difende dichiarando:

"Come posso essere omofobo? Ho lavorato con Ellen Page, una persona che combatte quotidianamente per i diritti della comunità LGBT. Volete dire che sono un razzista? Ho collaborato con Jesse Williams, che ogni giorno lotta per i diritti civili negli Stati Uniti. Giudicatemi per il mio lavoro."

Come segnala Kotaku, anche Guillaume de Fondaumiere interviene, minacciando azioni legali e negando le accuse:

"Quantic Dream nega categoricamente queste accuse. Personalmente, sono furioso e indignato per queste dichiarazioni, le quali mi colpiscono molto seriamente. Farò tutto il possibile per far valere i miei diritti e il mio onore in sede legale."

Che ne pensate di questa vicenda?

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti

More News

Ultimi Articoli