Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Gli ex sviluppatori di The Division e Hitman formano un nuovo studio chiamato Sharkmob: annunciato il primo progetto

Scopriamo insieme cosa dobbiamo aspettarci da questo nuovo team.

Il nascente studio Sharkmob, un team di sviluppo recentemente formato da veterani di Ubisoft, ha rotto il silenzio attorno al suo primo progetto.

Stando a quanto riportato da Games Industry, lo studio è diretto dall'ex CEO Massive e produttore esecutivo di The Division, Fredrik Rundqvist.

Ad unirsi a lui ci sono altri esponenti di Ubisoft, tra cui il direttore tecnico di The Division, Anders Holmquist; il director IP Martin Hultberg; Il director, produttore e technical director di The Division Petter Mannerfelt; e l'art director sia di The Division che di Hitman, Rodrigo Cortes.

"Non ne sono sicuro, ma penso che questo sia abbastanza insolito per Sharkmob, ovvero che abbiamo un team che ha fatto giochi per dieci, 12 anni insieme e che ha deciso di lasciare e iniziare insieme qualcosa di nuovo", ha detto Rundqvist a GamesBeat.

"Ci siamo sentiti più sicuri a lavorare di nuovo insieme di quanto avremmo fatto se stessimo semplicemente andando da soli. Non penso che sia esagerato il fatto che noi cinque copriamo una visione a 360 gradi di tutto ciò di cui hai bisogno per sapere come avviare un'azienda, avviare uno studio, creare un gioco, creare un IP, essere sicuro della tecnologia, della direzione artistica, della direzione del gioco, di tutte queste cose. "

Sharkmob, pienamente al lavoro, prevede di lanciare un gioco multiplayer per PC con intenzioni di rilascio anche su console.

Con sede a Malmö, in Svezia, il team sta mantenendo segreti i dettagli, ma ha confermato che il progetto si basa su un "classico di culto" e, in futuro, sono previsti piani per un franchise.

"Non siamo davvero interessati a creare un tipo di gioco single player tradizionale", ha dichiarato Rundqvist. "Quello che giochiamo in privato, il tipo di titoli che amiamo, sono molto sociali, molto competitivi, sempre multiplayer".

"Ovviamente, a nostro parere, la pura meccanica di questo non è interessante se non si ha la giusta IP, l'impostazione giusta, la giusta fantasia per far sì che le persone siano davvero entusiaste delle meccaniche di gioco che forniamo".

Cosa vi aspettate da questo nuovo studio?

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti