Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Videogiochi e NFT? No, gli sviluppatori vogliono i sindacati

Il sondaggio della GDC 2022 è una finestra sugli sviluppatori.

GDC ha pubblicato i risultati del suo sondaggio annuale sullo stato dell'industria dei videogiochi, che ha rivelato che gli sviluppatori sono molto interessati alla sindacalizzazione, ma non agli NFT.

Degli intervistati, il 55% ha risposto "sì" quando gli è stato chiesto se i dipendenti dell'industria dei giochi dovrebbero aderire a un sindacato. GDC ha notato che la percentuale è aumentata rispetto agli anni precedenti, con il 51% che credeva che l'industria doveva unirsi a un sindacato nel 2021.

Tuttavia, solo il 18% degli intervistati crede che i lavoratori del settore si iscriverebbero al sindacato; Il 62% degli intervistati ha anche affermato di non aver discusso della sindacalizzazione nei propri studi.

Alla domanda sui loro pensieri individuali sulla sindacalizzazione nel settore, gli sviluppatori hanno fornito una serie di risposte. "È assolutamente necessario, l'ultimo anno dovrebbe dimostrarlo", ha affermato un intervistato. Alcuni hanno riconosciuto che la sindacalizzazione potrebbe non essere un effettivo toccasana per le condizioni di lavoro tossiche negli studi, ma hanno affermato che avrebbe almeno fornito "una base per i lavoratori per sfidare lo sfruttamento".

La sindacalizzazione è un argomento caldo nell'industria dei videogiochi. È generalmente ipotizzata come una potenziale soluzione alle condizioni di lavoro tossiche che hanno afflitto più studi. I leader degli studi hanno storicamente preso una posizione anti-sindacale. Alla fine del 2021, un dirigente Activision-Blizzard ha tentato di interrompere i negoziati sindacali tramite un'e-mail che conteneva retorica anti-sindacale.

Agli intervistati sono state anche poste domande su criptovalute e NFT, a cui molte importanti società di giochi si sono recentemente interessate. È interessante notare che oltre il 70% degli intervistati ha affermato che i loro studi non hanno alcun interesse né per la criptovaluta né per gli NFT. La maggior parte degli sviluppatori ha criticato la tecnologia blockchain, con uno che la descrive come una "truffa piramidale".

Fonte: Gamepur.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti