Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

PS5 avrà un SSD velocissimo ma sarà un grande vantaggio solo per i giochi first party

Thomas Mahler, creatore di Ori, ricorda che i giochi third party avranno un 'denominatore comune'.

L'SSD di PS5 è stato un argomento di discussione sin da quando Sony ha rivelato le potenzialità della sua next-gen. Che si tratti di un hardware impressionante, che offre alla console un vantaggio rispetto alla concorrenza in questo settore, non c'è dubbio, ma ancora non sappiamo con precisione quale impatto avrà sui giochi nei prossimi anni.

Secondo Thomas Mahler, co-fondatore di Moon Studios, l'SSD di PS5 sarà un grande vantaggio soprattutto per i giochi first party e per le esclusive, ma non pensa che gli sviluppatori multipiattaforma adegueranno i loro giochi in modo da sfruttare appieno la feature. Stando a Malher, gli studi third party "svilupperanno i loro giochi secondo un comune denominatore."

"Sarei scioccato se la maggior parte degli sviluppatori third party non sviluppasse i propri giochi seguendo un minimo comune denominatore", ha scritto Mahler su ResetEra. "Voglio dire, ci sono letteralmente 0 possibilità che i livelli vengano cambiati solo perché PS5 può caricarli più velocemente, semplicemente perché è troppo costoso e richiede molto lavoro".

"L'SSD di PS5 superveloce è adatto ai first party, ma non ha alcun senso economico regolare i tuoi giochi per adattarli a una particolare piattaforma. Su PC e Xbox, dovrai lavorare con quello che c'è. Quindi sono 2 piattaforme contro 1".

Le parole di Mahler hanno senso. I giochi multipiattaforma saranno sviluppati per funzionare bene su PS5, Xbox Series X e PC, e mentre è possibile che ogni versione venga ottimizzata per sfruttare meglio le potenzialità delle rispettive console, è improbabile che gli sviluppatori spenderanno soldi o risorse in particolare sulla versione PS5 di un gioco per sfruttare completamente il suo SSD.

Ad esempio, sebbene i giochi su PC siano ovviamente migliori, gli sviluppatori hanno deciso di garantire, in primo luogo, che i titoli funzionino bene anche sulle più deboli PS4 e Xbox One.

Che ne pensate?

Fonte: Gamingbolt.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti