Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Gli sviluppatori di Darq doneranno in beneficenza i guadagni sull'Epic Games Store se verrà accettato un accordo di non esclusività

Saranno poi gli utenti a decidere l'ente.

Gli sviluppatori di Darq hanno dichiarato l'intenzione a donare in beneficenza l'intero guadagnano che otterranno tramite le vendite del loro gioco su Epic Games Store, purché Epic rinunci al contratto di esclusività.

Unfold Games ha fatto tale proposta subito dopo che Epic si è congratulata per il successo ottenuto dal gioco su Steam.

"E' un grande gioco e merita successo" - ha dichiarato la compagnia con un recente Tweet.

"Tim, sono lieto di sentirtelo dire. Se cambierai idea ed accetterai Darq sul tuo store come una non esclusiva, donerà l'intera somma guadagnata con Epic Games Store in beneficenza." - ha poi risposto il fondatore di Unfold Games Wlad Marhulets.

Marhulets ha recentemente rifiutato una proposta di Epic Games Store (che prevedeva un contratto di esclusività) in quanto avrebbe rovinato la credibilità dello studio, per questo motivo il gioco è poi sbarcato su Steam.

"DARQ racconta la storia di Lloyd, un ragazzo che si rende conto di star sognando. Per sfortuna di Lloyd, però, il sogno rapidamente si trasforma in un incubo e tutti i tentativi di risvegliarsi finiscono col fallire. Egli impara come sopravvivere all'incubo infrangendo le leggi della fisica e manipolando il tessuto liquido del mondo dei sogni. Oltre a degli enigmi che sfidano la gravità, Lloyd dovrà usare la furtività nel caso dovessero esserci nemici nelle vicinanze. Non avendo speranze di vincere un incontro aperto, date le creature più potenti e veloci di lui che incontrerà, dovrà ripiegare su piani accuratamente progettati per evitare di essere individuato." - riporta la descrizione del gioco.

Darq è disponibile su PC.

Cosa ne pensate della decisione di Wlad Marhulets?

FONTE: GamesIndustry

Taggato come
A proposito dell'autore

Andrea Di Carlo

Contributor

Commenti