Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

The Crossing: l'ambizioso gioco cancellato di Arkane Studios riemerge in un documentario

L'interessante titolo mai uscito si mostra in un video di NoClip.

Il gioco cancellato di Arkane Studio, The Crossing, è apparso nuovamente in un recente documentario.

Un nuovo documentario di Noclip intitolato The Untold History of Arkane è stato pubblicato poco fa e, oltre a discutere del suo gioco Half-Life cancellato, il video tocca anche un altro gioco cancellato della compagnia.

The Crossing doveva essere un FPS d'azione per giocatore singolo in un mondo creato da Viktor Antonov (Half-Life 2, Dishonored).

Una caratteristica unica del gioco era chiamata "Cross Player", che fondeva il single payer con il multiplayer. I giocatori potevano controllare l'opzione in qualsiasi momento durante la storia per consentire ad altri giocatori di livello comparabile di unirsi al gioco.

Il tema della storia era che al tempo dei Templari il mondo si divideva in due diverse versioni di Parigi. In un mondo, i Templari si erano evoluti e il paesaggio era caratterizzato da un'architettura gotica e pieno di dettagli, mentre l'altro mondo era la "normale Parigi", dove avvenivano scioperi e ribellioni. C'erano portali che portavano da un mondo all'altro, permettendo ai Templari di invadere la Parigi normale e viceversa.

Arkane era pronto a firmare un accordo con un publisher, ma era un "pessimo affare". L'editore, che Arkane non ha nominato, proponeva ogni volta una nuova versione del contratto sempre peggiore di quella precedente.

Arkane ha continuato a sperare di trovare un accordo con un publisher per The Crossing, proprio perché voleva davvero realizzare questo gioco.

Che ne dite?

Fonte: VG247.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti