Il forziere impossibile da aprire di The Legend of Zelda: Breath of the Wild è stato aperto!

Ma che fatica per raggiungerlo!

The Legend of Zelda: Breath of the Wild è un gioco pieno di collezionabili e di misteri, e data la natura open world del titolo alcuni di essi sono difficili da trovare o addirittura da raggiungere: è questo il caso del forziere interrato situato tra Aris Beach e Clarnet Coast.

Il forziere in questione è sempre risultato impossibile da aprire a tutti gli utenti che l'hanno raggiunto, visto che non è nemmeno possibile dissotterrarlo con i poteri di Link. Tutti i giocatori lo hanno quindi etichettato come un mistero, addirittura un glitch, all'apparenza irrisolvibile; ma qualcuno è riuscito a svelare l'arcano.

Lo youtuber Leonardo Ramallo è riuscito a raggiungere il forziere grazie ad un exploit tramite un emulatore e qualche salvataggio di gioco modificato, ed ha scoperto che per aprirlo è necessaria una posizione ben precisa. Come potete vedere dal video, dopo qualche tentativo il gioco vi permette di aprire il forziere in questione, ed indovinate cosa ci troverete?

Dopo tanti sforzi, il gioco vi premierà con un...Opale. Si, un comune Opale trovabile in decine di altri posti come minimo. Evidentemente questo è un glitch che gli sviluppatori si sono dimenticati di corregge, non c'è altra spiegazione. O che Nintendo si diverta a prenderci in giro?

Ovviamente il gioco offre molto più di questo. Se volete qualche consiglio su come impostare la vostra avventura in Breath of the Wild, date un'occhiata alla nostra guida.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Marco Brigato

Marco Brigato

Redattore

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Assassin's Creed Valhalla avrà un sistema di progressione diverso per evitare il grinding selvaggio

Il creative director, Ashraf Ismail, promette una piccola rivoluzione.

The Last of Us: Parte II risplende nel fantastico approfondimento e video gameplay targato State of Play

Tra stealth, azione brutale e sopravvivenza. Un assaggio di un possibile capolavoro.

Ghost of Tsushima si ispira al primo splendido Red Dead Redemption

Sucker Punch ammette di aver preso spunto anche da Zelda: Breath of The Wild.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza