Ecco perché Ganon non parla mai in The Legend of Zelda: Breath of the Wild

Non che Link sia molto loquace, però...

Nonostante The Legend of Zelda: Breath of the Wild sia il primo titolo della saga che include alcuni dialoghi parlati, né Link né Ganon proferiscono mai alcuna parola ad eccezione di qualche sbuffo e di qualche grido, specialmente in combattimento.

Ci pensa il direttore del titolo Hidemaro Fujibayashi a spiegarci il perché di questa scelta stilistica: nel caso di Ganon, la sua forma bestiale ed il suo aspetto fisico intimidatorio hanno fatto propendere gli sviluppatori per non inserire nel gioco alcun dialogo parlato legato al personaggio.

bi

Come riporta GameRant, Fujibayashi spiega inoltre che nel momento in cui gli sviluppatori stavano immaginando lo scenario ed il gameplay del titolo non hanno mai sentito la necessità di dare una voce a Ganon; semplicemente il personaggio si integrava molto meglio nell'atmosfera del gioco senza dargli una voce (al contrario dei personaggi che popolano i ricordi di Link).

E voi cosa ne pensate della faccenda? Preferivate che Ganon avesse una voce in Zelda: Breath of the Wild?

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Marco Brigato

Marco Brigato

Redattore

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Darksiders Genesis - recensione

Guerra e Conflitto: un duo dinamico che semina morte e distruzione.

Spider-Man 2 potrebbe arrivare su PS5 'prima di quanto pensiamo'

L"inevitabile" sequel al centro di nuove indiscrezioni.

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza