Il produttore della serie Eiji Aonuma e il director di Breath of the Wild, Hidemaro Fujibayashi in occasione di un'intervista hanno parlato del perché della mancanza dei dungeo tradizionali in Breath of the Wild.

450978_breath_of_the_wild_4k_screenshots_2

Come riporta Mynintendonews, nei precedenti Zelda i dugeon erano particolarmente lunghi poichè il gioco si basava su spazi molto ampi e sul trovare oggetti nascosti. In Breath of the Wild hanno pensato di creare dungeon grandi, ma ci sarebbe voluto molto tempo per completarli e i giocatori avrebbero dedicato il loro tempo troppo alle segrete, per cui è stato stabilito che il tempo ideale da trascorrere in ogni santuario fosse di 10 minuti.

Preferite dungeon brevi o lunghi e dispersivi?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Altri articoli da Stefan Tiron

Commenti (17)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

le ultime

Pubblicità