Skip to main content

Deus Ex: Human Revolution

Il libero arbitrio prima di tutto!

Il gioco è finalmente uscito. Qualora foste interessati a completarlo al 100%, vi invitiamo a consultare la nostra soluzione completa di Deus Ex: Human Revolution!

Ai fan di Deus Ex brucia ancora la delusione del secondo capitolo uscito qualche tempo fa per PC e Xbox. Non era facile realizzare un gioco ai livelli dell'originale e la rinuncia agli elementi squisitamente GdR fatta con Invisible War, contribuì a rendere il prodotto in questione semplicemente un buon titolo, che non poteva però essere paragonato al suo predecessore.

Durante la GamesCom di Colonia abbiamo avuto modo di assistere a una demo del terzo capitolo della serie, attualmente in via di sviluppo e previsto per i primi mesi del 2011. Sottolineando più volte che la demo si basava su una versione ancora non rifinita del codice (in particolar modo dal punto di vista del tearing, presente in modo davvero massiccio), i programmatori si sono concentrati su un elemento piuttosto interessante di Human Revolution: la libertà di approccio garantita al giocatore.

La presentazione si basava su una singola scena ambientata all'interno di una stazione di polizia, giocata tre volte di seguito per mostrare nel dettaglio quanto gli sviluppi di una missione potranno cambiare a seconda delle scelte del giocatore e dei potenziamenti equipaggiati.

Le atmosfere di Human Revolution sono molto vicine a quelle dell'indimenticabile Blade Runner.

Come ricorderete, Human Revolution sarà ambientato prima delle vicende narrate in Deus Ex, presentando un mondo estremamente diverso e delle tecnologie tutte da scoprire. Stiamo parlando dei potenziamenti divisi in quattro macro-categorie: quelli sociali, quelli legati al combattimento, quelli tecnologici e quelli stealth.

Nella demo Adam Jensen doveva entrare in una stazione di polizia per trovare un cadavere custodito nello studio del medico legale. Per compiere la missione si poteva decidere l'approccio da utilizzare, generando conseguenze e reazioni ben precise.

Il primo approccio alla missione è stato estremamente pratico e brutale. Affidandosi a tutti i potenziamenti da combattimento e alle armi più devastanti a disposizione, Adam è entrato nella stazione iniziando a seminare morte e distruzione.

Durante questa fase abbiamo potuto vedere piuttosto approfonditamente il sistema di copertura del gioco, che sembra arrivare direttamente da quello dei due capitoli di Rainbow Six: Vegas. La visuale passa fluidamente dalla prima alla terza persona, per permettere al giocatore di tenere costantemente sotto controllo l'ambiente circostante.

Il sistema di copertura sembra uscito da R6: Vegas. Il passaggio dalla prima alla terza persona è fluido e naturale.

Gli scontri a fuoco si sono rivelati frenetici, intensi e capaci di offrire anche un profondo approccio strategico (usando i potenziamenti in modo ragionato, è possibile pianificare ogni mossa per eliminare qualsiasi tipo di minaccia). La Smart Vision, per esempio, permette di individuare le posizioni di ogni essere vivente nel raggio visivo, anche attraverso le pareti più spesse.

Pur rivelandosi più spettacolare e coreografica delle due soluzioni successive, la scelta di affidarsi alla semplice forza bruta non era l'unica a disposizione. I programmatori sono partiti da questa variante per mostrare alcune delle armi presenti nel gioco, a loro volta potenziabili attraverso specifiche "argumentation". Le granate, ad esempio, possono essere abbinate al potenziamento che permette di attaccarle a una qualsiasi superficie.

Giunti alla fine della missione in questione, la demo è ripartita dall'inizio, prendendo una piega completamente diversa. Equipaggiando dei potenziamenti sociali, infatti, questa volta il programmatore ha optato per un approccio più ragionato, dove Adam avvicinava un ex-collega coinvolgendolo in un dialogo profondo e ricco di dettagli. Nel corso della discussione sono venuti fuori molti elementi del passato di Adam, a dimostrazione di quanti approfondimenti si possano scoprire muovendosi nel modo giusto.