Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Jim Ryan: i giochi dei PlayStation Studios subirebbero un calo qualitativo se inclusi al day one in PlayStation Plus

Il CEO di PlayStation riflette sul potenziale dei servizi in abbonamento

Ogni volta che viene annunciata una nuova piattaforma o servizio, l'attenzione è inevitabilmente rivolta su ciò che manca piuttosto che su ciò che c'è.

Il nuovo PS Plus di Sony vanta l' accesso al multiplayer online, centinaia di titoli per PS4 e PS5 da scaricare, streaming, titoli retrò e versioni di prova dei giochi. Ma ciò che non include, a differenza del suo principale concorrente, sono le esclusive first-party che vengono lanciate nel servizio nello stesso momento in cui escono al dettaglio.

"Ci sentiamo come se fossimo in un buon ciclo virtuoso con gli studios", spiega il CEO di PlayStation Jim Ryan, "dove l'investimento porta al successo, che permette ancora più investimenti, che portano ancora più successo. Ci piace questo ciclo e pensiamo che ai nostri giocatori piaccia questo ciclo."

Continua: "mettere i nostri giochi in questo servizio, o in uno qualsiasi dei nostri servizi, al momento del loro rilascio... come ben sapete, questa non è una strada che abbiamo percorso in passato. E non è una strada che percorreremo con questo nuovo servizio. Riteniamo che se dovessimo farlo con i giochi che creiamo in PlayStation Studios, il ciclo virtuoso si interromperebbe. Il livello di investimento che abbiamo bisogno di fare nei nostri studi non sarebbe sostenibile e pensiamo che l'effetto a catena sulla qualità dei giochi che produciamo non sarebbe qualcosa che sarebbe accolto bene dai nostri utenti."

PlayStaton CEO Jim Ryan

Il punto di vista di Ryan su questo non è unico all'interno di Sony. La maggior parte degli editori AAA sono riluttanti a mettere i loro giochi più recenti nei servizi in abbonamento. D'altra parte, si potrebbe obiettare che inserendoli in PS Plus o Xbox Game Pass, si può potenzialmente allargare a dismisura il bacino di utenza di quei titoli. Nel giro di una notte, ogni nuova uscita potrebbe avere decine di milioni di giocatori e il gioco ha anche altre forme di monetizzazione, allora il potenziale di guadagno è significativo.

E anche se il titoli in questione non avesse microtransazioni, Xbox crede che gli abbonamenti (combinati con lo streaming) siano la chiave per trovare nuovi giocatori di console.

La prospettiva di Ryan è pragmatica e l'attuale posizione di PlayStation su questo argomento è interamente soggetta a cambiamenti.

"Il modo in cui il mondo sta cambiando così rapidamente in questo momento significa che nulla è destinato a durare per sempre", ci dice. "Chi avrebbe detto anche solo quattro anni fa che avremmo visto un'IP AAA PlayStation pubblicata su PC? Abbiamo iniziato l'anno scorso con Horizon Zero Dawn, poi Days Gone, e ora God of War, una versione PC estremamente curata e compiuta di quel gioco. Abbiamo avuto un grande successo di critica e un grande successo commerciale e tutti si sono messi in pace con questo avvenimento e sono completamente a loro agio. Mi guardo indietro di quattro anni e penso che nessuno se lo sarebbe aspettato.

"Nel modo in cui il nostro modello di pubblicazione funziona ora, la prospettiva di mettere nuovi giochi direttamente in PS Plus non ha molto senso. Ma le cose possono cambiare molto rapidamente in questa industria"

.

"Quindi non voglio mettere nulla di definitivo in questa fase. Tutto ciò di cui parlo oggi è l'approccio che stiamo adottando a breve termine. Nel modo in cui il nostro modello di pubblicazione funziona ora, la prospettiva di mettere nuovi giochi direttamente in PS Plus non ha molto senso. Ma le cose possono cambiare molto rapidamente in questa industria, come tutti sappiamo."

Al netto di tale mancanza, vale la pena parlare brevemente di ciò che Sony sta facendo con il suo nuovo programma PS Plus.

Fondamentalmente sta unendo i suoi servizi di abbonamento PlayStation Plus e PlayStation Now, che insieme totalizzano 50 milioni di abbonati. Il 75% degli abbonati a PS Now si abbona anche a PS Plus, quindi ha senso unire i due servizi insieme. E per quel 75%, i costi complessivi scenderanno.

Guardando i prezzi in generale, ci sono tre livelli di PS Plus. PS Plus Essentials è identico a PS Plus oggi e ha lo stesso prezzo (circa 9€ al mese); PS Plus Extra aggiunge una libreria di giochi per PS4 e PS5 (circa 14€ al mese); infine PS Plus Premium che include tutto questo più le prove dei giochi, lo streaming dei giochi e una collezione di giochi PS1, PS2, PS3 e PSP (circa 17€ al mese).

In confronto alle offerte di Xbox, il livello PS Plus Premium ha un costo più alto su base mensile. Tuttavia, il servizio di Sony diventa più competitivo se si considerano i prezzi annuali.

"È un fatto, almeno per i nostri servizi, che la grande maggioranza delle persone si iscrive attraverso un abbonamento di 12 mesi", spiega Ryan. "Sono più di due terzi quelli che si abbonano in questo modo. Questa è una proposta di valore che abbiamo esaminato molto attentamente. Per un abbonato di 12 mesi, che è la grande maggioranza delle persone, la tariffa di abbonamento mensile per PlayStation Plus Extra sarà di circa 8,33€. E per PlayStation Plus Premium sarà di 9,99€. Pensiamo che, per quello che la gente otterrà, questa sia una proposta di valore formidabile. E che semplicemente non sarebbe possibile se dovessimo mettere i giochi dei nostri Studios nel servizio al momento del loro rilascio."

Sony potrà anche non inserire le sue ultime uscite ma ci sono ancora alcuni titoli PS5 popolari in PS Plus Extra e Premium, tra cui Spider-Man: Miles Morales e Returnal. Ma al di fuori dei suoi giochi first-party, Sony dice che "ogni grande editore" è presente nel servizio e le conversazioni continuano a procedere piuttosto bene.

"Che siano indie, che siano grandi giochi, o cose che celebrano la nostra storia... tutti i tipi di giochi", dice Ryan. "Avremo tutto questo e speriamo di avere una line-up che soddisfi ogni tipo di esigenza."

Spider-Man: Miles Morales è uno dei grandi giochi che si uniscono a PS Plus Extra e Premium

L'opzione Premium è più un livello per veri appassionati e una delle sue grandi attrazioni è la collezione di giochi retrò.

"Ovviamente, non è per tutti ed è per questo che è nel livello Premium", dice Ryan. "Ma ci sono persone come me che sono in giro da sempre, che hanno giocato a quei giochi e li hanno amati 20 anni fa. O forse sono persone i cui genitori parlano benissimo di questi giochi e vogliono provarli da soli. Una volta che possiamo condividere la line-up con il mondo, pensiamo che ci sarà molto interesse sotto questo aspetto."

Lo streaming è anche all'interno del livello Premium. Anche in questo caso non si tratta di un servizio pensato per la grande massa, anche se Ryan si aspetta che diventi una parte più significativa del business di Sony col tempo.

Sony sente di aver fatto un buon lavoro con PS5 finora. Sfide di produzione a parte, ha una console che è stata ben accolta, in particolare il controller. I suoi giochi esclusivi, nonostante alcuni ritardi, si sono comportati bene, comprese le recenti uscite di Horizon: Forbidden West e Gran Turismo 7. L'unico elemento che probabilmente manca è nei suoi servizi ed è quello che questa nuova offerta PS Plus è progettata per affrontare.

Anche se non attira immediatamente nuovi clienti, c'è un pubblico esistente di 48 milioni di abbonati a PS Plus da convincere ad aggiornare, compresi quelli in paesi dove PS Now non è mai stato un'opzione.

"Si tratta di completare l'offerta che abbiamo", spiega Ryan. "Con le piattaforme, raramente è solo una singola cosa che rende una console davvero attraente. È una combinazione di molte cose. E avere una proposta di servizio davvero forte aiuta sicuramente.

"Chiaramente, all'interno della nostra base di pubblico esistente abbiamo l'opportunità di attrarre i proprietari di PlayStation che attualmente non sono abbonati a PlayStation Plus. L'opportunità aggiuntiva è rappresentata dai 48 milioni di abbonati a PlayStation Plus e convincerli a passare a Extra o a Premium. E il nostro compito è reso piuttosto facile dal fatto che sono già abbonati a PlayStation Plus, quindi abbiamo un rapporto estremamente stretto con loro su molti livelli."

"Non credo che vedremo i servizi in abbonamento delle console arrivare ai livelli che vediamo con Spotify e Netflix"

Il modello di business degli abbonamenti nei videogiochi è in crescita. Xbox ha annunciato a gennaio di avere oltre 25 milioni di abbonati a Game Pass e questo numero continua a crescere. Quello che non è così chiaro è il potenziale finale di tutto questo... potrebbe diventare il modello dominante nei giochi come è successo con la musica e la TV? Ryan non ne è convinto.

"I servizi in abbonamento sono certamente cresciuti in termini di importanza nel corso degli ultimi anni", conclude. "Il nostro numero di abbonati a PlayStation Plus è cresciuto da zero nel 2010 a 48 milioni ora. E prevediamo, per i nostri servizi, di vedere un'ulteriore crescita del numero di abbonati.

"Ma il medium videoludico è così diverso dalla musica e dall'intrattenimento lineare, che non credo che lo vedremo arrivare ai livelli che vediamo con Spotify e Netflix".

"Alcuni Game as a Service che stanno avendo molto successo in questi giorni sono effettivamente servizi in abbonamento in sé. E sono molto adatti alle esigenze dei giocatori che amano i titoli con cui passano ore e ore, mese dopo mese dopo mese. Questo fenomeno dei GaaS... ha alimentato in gran parte l'enorme crescita dell'industria del gioco che abbiamo visto negli ultimi dieci anni. Penso che questa tendenza verso i servizi continuerà e se si cerca un modello nella nostra categoria di intrattenimento che supporta un impegno sostenuto per un lungo periodo di tempo, i GaaS probabilmente si adattano meglio di un servizio in abbonamento.

"Ma è tutta una questione di scelta. Ci sono ovviamente molti milioni di persone che sono felici di abbonarsi a PlayStation Plus. Offriamo loro questa opzione sulla piattaforma e pensiamo di fornire loro un pacchetto significativamente migliorato con i cambiamenti che abbiamo fatto. Allo stesso modo, se le persone vogliono giocare a Fornite o Call of Duty o FIFA e avere il loro impegno sostenuto in questo modo, va bene anche questo. Nessuno è obbligato a fare nulla."

A proposito dell'autore

Avatar di Christopher Dring

Christopher Dring

Head of Games B2B

Christopher Dring is a games business veteran, beginning in QA in 2007 before joining UK busines publication MCV in 2007. He rose up to editor, a role he held for five years, before joining GamesIndustry.biz as publisher in 2016. He has contributed to Develop, BBC, The Observer and Sky News. He's also the architect behind events such as the GamesIndustry.biz 100, the Marketing Summit and the Best Places To Work Awards. He is currently head of B2B for all of ReedPop, which covers GamesIndustry.biz, b2b events at PAX and EGX, plus other special projects. He also frequently writes for Doctor Who Magazine. Because Doctor Who is awesome.

Commenti

More Intervistas

Ultimi Articoli