Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

11:11 Memories Retold è il nuovo titolo degli sviluppatori di Valiant Hearts ambientato nella Prima Guerra Mondiale che umanizza il nemico attraverso gli animali

Un gioco di guerra focalizzato sull'empatia.

Nel 2015 Joan Fanise e il suo team di Ubisoft hanno ricevuto un British Academy Games Award (BAFTA) per il loro lavoro su Valiant Hearts, un videogioco molto apprezzato e ambientato durante la prima guerra mondiale. Per il suo prossimo progetto, chiamato 11-11: Memories Retold, Fanise sta rivisitando lo stesso conflitto.

Come riporta Polygon, pubblicato da Namco Bandai, 11-11 è sviluppato in collaborazione con Aardman Animation Limited, lo stesso studio di Wallace e Gromit e Shaun the Sheep. Fanise ha portato con sé un nuovo trailer per l'E3 di quest'anno a Los Angeles, visibile più in basso. Al suo interno, il team mette in mostra il particolare stile artistico e pittorico del gioco, nonché il talento vocale dell'attore Elijah Wood.

Valiant Hearts è stato acclamato dalla critica e in gran parte è riuscito a raccontare storie parallele di un brutale conflitto globale da molteplici prospettive, anche attraverso gli occhi di un'infermiera in prima linea. 11-11 si propone di fare ancora di più, anche se questa volta i personaggi principali sono un soldato britannico e uno tedesco messi insieme durante l'apice del conflitto nel 1916.

Molto di 11-11 non è ancora stato svelato, ma è stato confermato che ogni soldato avrà il suo compagno animale. Fanise ha detto che la loro inclusione era un modo per umanizzare i combattenti della Grande Guerra.

"Il nostro gioco non riguarda la guerra", ha detto Fanise. "Riguarda la pace. Riguarda l'umanità. Sta dicendo che siamo tutti uguali, ovviamente. Siamo tutti umani. Siamo della stessa specie. Siamo tutti animali".

"Ecco perché abbiamo due animali nel gioco: il piccione e il gatto. Quando ti rivolgi a un animale, il paradigma della vita cambia perché un animale non ha un paese. A lui non importa [dei confini]".

"Il piccione è ancora più edificante perché, nello specifico, la prima guerra mondiale è nel fango, nelle trincee. Senti il ​​peso della guerra, e improvvisamente quando voli con il piccione è un sollievo. Quando lo vedi dall'alto, cambia la tua prospettiva."

Fanise ha detto che mostrare l'umanità dei combattenti è qualcosa che anche gli sviluppatori di sparatutto AAA potrebbero imparare.

"Preferirei che usassero qualcosa di diverso dagli umani nei loro giochi", ha detto Fanise. "I giochi tendono a separare le persone. Perché l'altro paese è pieno di cattivi? [...] Non viene dal mio paese, quindi lo ucciderò. Anche se è solo un videogioco, forse ha infuso qualcosa nella testa dei giovani. "Viene da un altro paese, quindi è un cattivo ragazzo." Ma cosa significa veramente [nazionalità] alla fine se siamo tutti umani?"

11-11: Memories Retold è in uscita il prossimo 9 novembre 2018 per PlayStation 4, Windows PC e Xbox One.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti