Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Xbox e Activision Blizzard: l'UE potrebbe avviare un''indagine avanzata' sull'acquisizione

Una nuova fase dell'indagine potrebbe essere annunciata a breve.

La Commissione europea avrebbe intenzione di intensificare le indagini sull'acquisizione da 70 miliardi di dollari di Activision Blizzard da parte di Microsoft, dopo che il gigante tecnologico ha rifiutato di presentare misure correttive per placare le preoccupazioni degli enti regolatori.

Politico riporta che le autorità antitrust hanno dato a Microsoft una scadenza alla mezzanotte di oggi per presentare impegni formali che potrebbero "tranquillizzare" il dipartimento antitrust dell'UE sull'affare Activision Blizzard, e Microsoft ha deciso di non farlo. L'UE ha tempo fino all'8 novembre per avviare la cosiddetta "fase 2" della sua indagine, e a questo punto sembra che il piano sia questo.

Come le autorità di regolamentazione del Regno Unito, il dipartimento della concorrenza dell'UE teme che Microsoft possa rendere Call of Duty un franchise esclusivo di Xbox se acquisirà il publisher della serie, il che potrebbe essere considerato anticoncorrenziale. Tuttavia, il boss di Xbox Phil Spencer ha ripetutamente assicurato che il piano è quello di mantenere Call of Duty multipiattaforma. La scorsa settimana, Spencer ha dichiarato che "finché ci sarà una PlayStation, il nostro intento è quello di continuare a distribuire Call of Duty su PlayStation". Recentemente ha anche detto che vorrebbe "trattare Call of Duty come Minecraft" e renderlo disponibile su quante più piattaforme possibili.

Nonostante l'esame da parte di tutto il mondo, Spencer ha dichiarato di essere "abbastanza fiducioso" che l'accordo si concluderà, anche se ammette che la transazione "a volte mi tiene sveglio la notte". Ha anche detto che le autorità di regolamentazione stanno "facendo domande oneste su un grande affare". L'obiettivo di Microsoft per la chiusura dell'operazione è ancora la fine dell'anno fiscale che terminerà il 30 giugno 2023.

Fonte: Gamesradar.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti