Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Activision Blizzard avrebbe privato ai dipendenti del sindacato un aumento di stipendio

A scoprirlo è il National Labor Relations Board.

Il gigante del gioco Activision Blizzard si sarebbe "illegalmente vendicato" dei lavoratori di Raven Software che hanno formato un sindacato, ha scoperto il National Labor Relations Board (NLBR).

Il dipartimento QA della sussidiaria Raven Software, che lavora principalmente su "Call of Duty", ha annunciato che avrebbe formato un sindacato a gennaio. Activision Blizzard ha cercato di bloccare il sindacato, ragionando sul fatto che il sindacato comprende solo il dipartimento QA di 28 dipendenti, mentre nel complesso, Raven Software ha circa 230 dipendenti. Indipendentemente da ciò, i tester del QA di Raven Software, che operano sotto il nome di Game Workers Alliance (GWA), hanno fatto la storia a maggio quando per 19 voti a 3 è stato riconosciuto il sindacato. Ora, il GWA è il primo sindacato ufficialmente riconosciuto in una delle principali società di gioco degli Stati Uniti.

Mentre la GWA era in fase di sindacalizzazione, Activision Blizzard ha convertito circa 1.100 appaltatori del controllo di qualità in dipendenti a tempo pieno e ha aumentato il salario minimo a $ 20 l'ora. Ma ai lavoratori di Raven Software, che sono tra i meno pagati in studio, sono stati negati questi aumenti salariali. Activision Blizzard ha affermato che, a causa delle leggi del National Labor Relations Act (NLRA), all'azienda non era consentito modificare il tasso di retribuzione dei suoi dipendenti nel mezzo di uno sforzo sindacale. I Communication Workers of America, che rappresentano il sindacato, hanno affermato che si trattava di un tentativo ingannevole di rompere il sindacato.

Ora, è proprio l'NLRB che si è ufficialmente pronunciato a favore del sindacato, dichiarando che era illegale per Activision Blizzard trattenere i salari. Le conseguenze di questa scoperta peseranno nelle trattative su un accordo di contrattazione collettiva tra GWA e Activision Blizzard. Nonostante l'ottenimento formale del riconoscimento sindacale, spesso i nuovi sindacati possono impiegare più di un anno prima di arrivare a un accordo contrattuale con la direzione.

Nonostante i loro sforzi, i continui tentativi di Activision di indebolire i suoi lavoratori e impedire le nostre elezioni sindacali sono falliti. Siamo lieti che l'NLRB abbia riconosciuto che Activision ha agito illegalmente quando ha applicato in modo disuguale le politiche trattenendo i benefici a livello aziendale e gli aumenti salariali dai lavoratori di Raven per l'organizzazione", ha affermato il GWA in una dichiarazione.

Un portavoce di Blizzard invece ha dichiarato: "A causa degli obblighi legali ai sensi dell'NLRA che richiedono ai datori di lavoro di non concedere aumenti salariali mentre erano in corso le elezioni, non abbiamo potuto istituire nuove iniziative salariali a Raven perché sarebbero nuovi tipi di modifiche ai compensi, che non erano state pianificate in anticipo. Questa regola per cui i datori di lavoro non dovrebbero concedere questo tipo di aumenti salariali è stata la legge per molti anni". La società non ha fatto ulteriori dichiarazioni in merito.

Fonte: Eurogamer

A proposito dell'autore

Claudia Marchetto

Contributor

Commenti