In seguito all'avvertimento di Rockstar riguardante la performance non ottimale della versione Xbox 360 di GTA V in caso di un'installazione completa del gioco, era d'obbligo controllare anche la versione digitale pubblicata sul PSN di Sony. Quest'edizione si gioca interamente da hard disc rispetto a quella tradizionale che attinge i dati sia dal disco fisso sia dal Blu-ray. Una soluzione che presenta una serie di problemi di streaming simili a quelli della versione Xbox 360 nel caso si decida di installare sul disco fisso anche il contenuto del Play Disc.

Nei nostri test abbiamo constatato una serie di differenze tra la versione da disco del gioco e quella digitale anche su PS3. Inizialmente tutto sembra filare liscio: l'installazione della versione digitale del gioco su una console dotata di un hard disk standard da 60GB appena formattato ci ha permesso di giocare tranquillamente alla rapina introduttiva di Trevor per cinque volte senza notare nulla di strano. Non si sono verificati casi di improvvise apparizioni o sparizioni di texture o poligoni sulla distanza in occasione delle sparatorie. Allo stesso modo la fuga motorizzata attraverso le pianure innevate non ha evidenziato altri problemi simili.

Tuttavia, l'attraversamento delle spiagge di Los Santos è rivelatore di ben altri problemi: passando rapidamente in auto da una zona all'altra si notano chiaramente alcune texture del terreno apparire con circa mezzo secondo di ritardo, un problema affiancato alla rappresentazione difettosa delle shadow map e di altri elementi come l'erba. Nella versione installata su disco questi problemi non si manifestano del tutto e solo qualche occasionale lentezza nel renderizzare correttamente singoli alberi o sedie si nota occasionalmente e solo dopo aver effettua numerosi tentativi. Nella comparazione diretta con la versione Xbox 360 completamente installata, il vantaggio prestazionale rimane ancora ad appannaggio di quella PS3, ma il problema dello streaming infastidisce parecchio anche sulla console Sony.

E per quanto riguarda il gameplay? Fortunatamente, la prima gara con Lamar verso la concessionaria evidenzia pochi pop-up in più rispetto alla versione disco; evidentemente alcuni percorsi sono stati ottimizzati meglio di altri. Tuttavia, dopo cinque minuti di navigazione libera intorno a Los Santos passando dalla periferia alle vie del centro più frequentate, ci si accorge della presenza di geometrie che appaiono improvvisamente e di texture che impiegano troppo tempo per aggiornarsi. In un caso abbiamo notato un intero grattacielo continuare ad apparire e scomparire dalla visuale del giocatore mentre gli edifici nelle vicinanze passavano da texture in alta a quelle in bassa risoluzione. Per un gioco costantemente occupato a renderizzare nuovi oggetti e texture mentre si sfreccia attraverso i distretti più dettagliati Los Santos, è chiaro che la larghezza di banda in più che deriva dalla possibilità di effettuare lo streaming sia da disco sia da HD è alla base del netto miglioramento di prestazioni rispetto all'edizione digitale.

"Mentre la maggior parte delle scene rimane inalterata, ci siamo imbattuti in diverse aree di gioco caratterizzate da un orrendo pop-up di texture e poligoni nella versione digitale di GTA V già nei primi 20 minuti di gioco. La versione da disco propone un'esperienza di gioco nettamente migliore."

Un confronto tra il pop-up di texture e poligoni della versione PS3 standard e quella digitale acquistata sul PSN. Sulla base dei test eseguito, il gioco fatica notevolmente nello streaming della grafica durante la sequenza d'apertura intorno alle spiagge di Los Santos, mentre la guida in città evidenzia situazioni ancora più eclatanti rispetto alla copia fisica, soprattutto durante momenti di azione più concitati nelle zone più trafficate.

Va sottolineato che il pop-up presente nei filmati non è una costante, visto che si verifica solo quando si viaggia a rotta di collo nelle zone più densamente popolate. Fortunatamente è in gran parte assente quando si guida in giro nelle zone meno abitate e quasi completamente inesistente durante l'azione a piedi. Inoltre, anche la build da disco non è del tutto esente da fenomeni di pop-up; oggetti minori come scatole e cabine telefoniche spariscono lentamente nelle corse a velocità massima negli stessi punti, ma è giusto dire che la versione da disco non ha mai presentato gli stessi problemi di quella digitale negli stress test da noi eseguiti.

Considerando il fatto che la versione digitale PS3 di Grand Theft Auto 5 viene venduta a un prezzo più elevato rispetto a quella scatolata, è stato piuttosto fastidioso constatare la presenza di problemi tecnici quasi del tutto sconosciuti a chi si rivolge ai dettaglianti; anche perché gli esempi che abbiamo evidenziato nei nostri filmati derivano solo dai primi 20 minuti di gioco e ci sono ottime possibilità che la situazione non migliori durante il resto della trama.

A peggiorare le cose, dobbiamo anche riportare un problema supplementare legato al download del pacchetto d'installazione: due membri della redazione incaricati di effettuare i test hanno avuto grosse difficoltà nel concluderlo al primo tentativo confermando la presenza di alcuni problemi nell'efficienza dell'infrastruttura digitale del PSN. Questo, nonostante le sessioni di download fossero ospitate da due diversi provider in fibra ottica con linee da 60 e 40 MBps. Il nefasto codice di errore 80029563 continuava a spuntare dopo diversi download dando come corrotti i 18 GB d'installazione del gioco. Alla fine, siamo riusciti a terminare la procedura su entrambe le console ma so è trattato di un download decisamente lento per due connessioni così performanti, (quasi tre ore) a cui abbiamo dovuto aggiungere l'installazione completa che ha occupato altri 55 minuti.

Insomma, la strada per arrivare a Los Santos tramite il PSN non si è dimostrata, almeno finora, comoda, conveniente e tantomeno il modo tecnicamente più efficiente di giocare a GTA V. Durante i nostri test, abbiano notato che hard disc freschi di formattazione e dotati di buoni valori di velocità di lettura/scrittura come il Western Digital 500GB HDD riescono a mitigare in parte questi problemi migliorando la performance: ma se non volete avere nulla a che fare con texture e palazzi che appaiono di colpo dal nulla, allora la soluzione migliore è senza dubbio l'acquisto di una copia in Blu-ray.

Traduzione a cura di Matteo “Elvin” Lorenzetti

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.