Cosa rende unico Days Gone? Il mondo di gioco "spietato"

Parola del director, Chris Reese.

Nonostante le buonissime impressioni suscitate dalla nostra prova, non si può negare che molti interessati a Days Gone siano almeno in parte preoccupati da quella che sembra una mancanza di unicità e originalità di fondo. Prima i paragoni con The Last of Us e poi l'impressione che si tratti di un mix di parecchi elementi già più o meno visti. Non c'è il rischio che l'esclusiva PS4 sviluppata da Sony Bend Studio risulti almeno in parte anonima?

Sony Bend Studio è assolutamente convinta della bontà del proprio lavoro e ci tiene a sottolineare un elemento che rende davvero unico questo progetto: la spietatezza del mondo di gioco. A parlarne, come riportato da ScreenRant, il director di Sony Bend, Chris Reese.

"Le ispirazioni arrivano da diversi media: giochi, film che interessano tutti noi o ancora libri e serie TV. Il tutto è una sorta di culminazione della domanda: quali sono i nostri interessi generali? Cosa è divertente e fantastico per noi? Questa è l'idea da cui si genera il gioco e poi si va più in profondità: cosa renderà questo gioco unico? Perché dovremmo voler giocare a questo titolo? Se vogliamo che sia ambientato in un open world allora cosa ci interesserà di questo open world? La nostra visione originale è avere questo mondo spietato che continua a colpirti e ad assalirti, con il giocatore che deve cercare di capire come sopravvivere.

1

"Uno dei pilastri quando abbiamo iniziato a lavorare su Days Gone era chiederci cosa potessimo fare in termini di open world. Volevamo renderlo duro, crudo e sempre pronto ad attaccare il giocatore. È stato costruito appositamente così e quindi volevamo che i giocatori sentissero ciò che Deacon stava vivendo. È una delle pochissime persone di quel mondo che potrebbe effettivamente sopravvivere anche da solo. Le persone "normali" non sono in grado di sopravvivere da soli e per questo si affidano agli accampamenti".

Cosa pensate di Days Gone? Tra prove con mano e notizie con nuovi succosi dettagli, il gioco vi sta convincendo?

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

In Death Stranding viaggeremo attraverso varie aree degli USA

L' appuntamento con la Gamescom ha svelato ulteriori dettagli sulla nuova opera di Kojima.

Death Stranding: secondo Geoff Keighley il pubblico non è ancora pronto per le funzionalità online del gioco

Il giornalista e produttore crede che gli elementi online siano stati sottovalutati.

Articoli correlati...

Control si mostra in uno spettacolare trailer di lancio

Pronti ad entrare in un mondo misterioso ed ostile?

ArticoloControl - prova

Remedy stupisce con un potenziale gioiello.

Death Stranding non compare più come esclusiva PS4 sul sito ufficiale di Sony

L'attesissimo gioco di Kojima arriverà su altre piattaforme?

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza