Ormai manca davvero poco all'uscita di Days Gone e, proprio per questo motivo, ultimamente stanno uscendo sempre più informazioni sul titolo. Durante le scorse ore gli sviluppatori sono tornati a parlare di un aspetto davvero interessante, ovvero i nemici presenti nel mondo di gioco. Infatti, come riportato da Polygon, ci saranno creature particolari chiamate Newt. Questi zombie sono solo dei bambini che, tanto tempo fa, erano umani.

Questo metterà a dura prova il giocatore visto che nonostante siano creature aggressive e pericolose, il pensiero di sparare a quelli che un giorno erano dei semplici infanti fa davvero venire i brividi.

Questa tipologia di avversario è molto più piccola e debole rispetto ai normali infetti, i Newt si nascondono sui tetti e in altre aree dove si sentono particolarmente al sicuro, attaccando solo quando certi che il giocatore sia effettivamente indebolito e vulnerabile. Non sarà strano trovarli in qualche misterioso posto pronti per un'aggressione a sorpresa.

Ovviamente, nonostante le loro sembianze più mansuete, sarà necessario abbattere queste creature e per farlo gli utenti avranno a disposizione diverse armi tra cui pistole e armi bianche. Nel mondo di Days Gone questi Newt sono ciò che resta di tutti quei bambini e adolescenti umani che sono stati vittime della pestilenza. Questa tipologia di nemico sopravvive lavorando insieme, visto che non si aspettano nessun tipo di protezione dai Freaker più anziani.

I bambini raramente sono personaggi che si possono uccidere in un videogioco, ma lo scrittore John Garvin ci ha tenuto a confermare che "non si tratta di quanti anni hanno, si tratta di come il virus riesca ad influenzare tutti. Colpisce tutti in modi orribili. La trama dei Newt è collegata alla storia in un modo super-importante"

Cosa ne pensate di tutto questo? Lasciate un commento con il vostro parere. Noi vi ricordiamo che l'uscita di Days Gone è prevista per il 26 aprile su PlayStation 4, se volete avere più informazioni sull'esclusiva Sony noi vi rimandiamo alla nostra recente anteprima.

Riguardo l'autore

Patrizio Coccia

Patrizio Coccia

Redattore