Skip to main content
Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Netflix con le pubblicità potrebbe anticipare il lancio per contrastare il nuovo abbonamento di Disney+

L'abbonamento Netflix con le pubblicità dovrebbe arrivare a novembre.

Il lancio di Netflix con le pubblicità sembra sia stato spostato a novembre per anticipare il nuovo abbonamento di Disney+.

Netflix sta anticipando a novembre il debutto del suo piano più economico con supporto pubblicitario, per anticipare il lancio del livello Disney+ con pubblicità, previsto per l'8 dicembre.

A luglio, Netflix aveva dichiarato agli investitori di puntare al lancio del piano ad-supported "intorno alla prima parte del 2023". Ma ora, secondo fonti del settore informate sui piani della piattaforma, il piano ad-supported dovrebbe arrivare il 1° novembre in diversi Paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia e Germania.

Netflix ha rifiutato di commentare. "Siamo ancora agli inizi della decisione su come lanciare un livello a basso prezzo e con supporto pubblicitario e non è stata presa alcuna decisione", ha dichiarato un rappresentante dell'azienda.

Le fonti hanno confermato la nuova data di lancio del 1° novembre, già riportata dal Wall Street Journal. Netflix e il suo partner pubblicitario esclusivo, Microsoft, hanno chiesto agli acquirenti di annunci di presentare le offerte iniziali la prossima settimana, con un "soft CPM di 65 dollari" (il costo per mille visualizzazioni), il che significa che l'azienda è aperta a negoziare le tariffe pubblicitarie. Si tratta di una cifra ben superiore ai CPM del settore, inferiori a 20 dollari.

Come riportato in precedenza, il livello ad-supported di Netflix avrà un carico pubblicitario di circa 4 minuti all'ora per le serie. Per i film, secondo le fonti, la piattaforma utilizzerà annunci "pre-roll". Netflix sta fissando dei limiti di frequenza (la frequenza con cui uno spot pubblicitario può essere servito ai singoli spettatori) di uno all'ora e tre al giorno per spettatore, che sono relativamente bassi per gli standard del settore.

Fonte: Variety.