Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

The Elder Scrolls IV: Oblivion e lo strambo giocatore che ha passato 617 anni in prigione

La Terza Era me la ricordavo più breve.

The Elder Scrolls Oblivion è forse uno degli RPG più acclamati sviluppato da Bethesda, ovviamente prima dell'arrivo di Skyrim. Tuttavia anche questo capitolo non è stato esente da bug e problemi di ogni sorta: tra questi bug ve n'è uno in particolare che ha portato un giocatore a dover scontare la bellezza di 617 anni di carcere.

Il motivo di questa pena è semplice: il giocatore ha provato a modificare il codice del gioco, settando alcune statistiche riguardanti la prigione oltre il limite consentito. Modificando da una parte all'altra si è trovato praticamente a dover scontare un periodo di prigionia così lungo: in tutto questo periodo inoltre le sue statistiche si sono "atrofizzate".

Insomma, il personaggio è diventato una sorta di "cavia" e ci ha pure rimesso più di 600 anni del suo ciclo "vitale". L'account Twitter che raccoglie tutte queste perle si chiama Unofficial Elder Scrolls Page e ci sono dei post davvero esilaranti.

Questa punizione è da monito per chi è curioso e vuole pasticciare con le impostazioni del gioco (se ancora qualcuno si diverte con il precedente capitolo di Bethesda). Non fatelo, prima di ritrovarvi rinchiusi per millenni!

Fonte: Rock Paper Shotgun

Commenti