Skip to main content

Un giudice americano permette alla causa su Killzone: Shadow Fall di procedere

Ma vedremo Sony in corte?

La causa sulla grafica di Killzone: Shadow Fall potrà andare in corte, stando ai nostri colleghi d'oltremanica.

Il procedimento, di cui abbiamo già parlato ad Agosto, riguarda la tecnica di rendering utilizzata da Guerilla Games nella sua esclusiva PS4.

Mentre Sony ha pubblicizzato il titolo come funzionante in Full HD nativo (ovvero ad una risoluzione di 1920x1080, abbreviata in 1080p), dei test approfonditi rivelarono che la componente online di Killzone: Shadow Fall produceva invece un'immagine nativa di 960x1080 pixel.

L'immagine viene poi scalata dal gioco alla risoluzione pubblicizzata, ma con una qualità presumibilmente inferiore rispetto ad un'eventuale 1080p nativa.

Sony aveva provato a far chiudere il caso con una mozione presentata in ottobre contro il querelante, il cittadino californiano Douglas Ladore; la mozione è stata però respinta questo martedì dal giudice americano Edward Chen.

Questo vuol dire che la causa, di cui si sta occupando lo studio legale Edelson, potrà andare avanti. Edelson si è già resa nota per le class action contro EA (riguardo alle fantomatiche copie di Battlefield 1943 promesse agli utenti PS3 di Battlefield 3) e contro Sega e Gearbox per la qualità non proprio eccelsa di Aliens: Colonial Marines.

Guarda su YouTube