Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Super Smash Bros. è un franchise di grandissimo successo ma ha rischiato di non avere i personaggi Nintendo

Un Super Smash Bros. molto diverso.

Masahiro Sakurai, creatore di Super Smash Bros. ha da qualche tempo aperto un canale YouTube incentrato sullo spiegare come funziona lo sviluppo di un gioco e altri interessanti retroscena sulla sua vita da sviluppatore. In uno degli ultimi video Sakurai ha mostrato ai fan il prototipo di Super Smash Bros e ha condiviso qualche chicca interessante.

Inizialmente chiamato Dragon King: The Fighting Game, il prototipo è stato progettato presso l'HAL Laboratory da Sakurai e programmato dal presidente di Nintendo Satoru Iwata. Per l'occasione Sakurai ha pubblicato il video dove si vede il prototipo in azione.

Nel video si vedono figure umanoidi picchiarsi ed è lì che Sakurai ha condiviso qualche dettaglio in più sui personaggi: "Ora, quando pensate a Smash Bros., non potete fare a meno di pensare al suo ampio elenco di personaggi Nintendo, ma questo non era nella proposta originale: è qualcosa per cui abbiamo negoziato in seguito".

"Una discussione comune che si trova nei giochi di combattimento basati su console è l'improvvisa abbondanza di potenziali personaggi principali. Pensate a The Legend of Zelda: c'è un personaggio principale, Link, con molti personaggi secondari e avversari. Dal punto di vista pubblicitario, ciò consente di iniziare con un personaggio principale e da lì si espande la storia, ma con i giochi di combattimento ci possono essere contemporaneamente 8 o anche 12 personaggi principali".

"Dopo che Smash Bros. è stato finalmente finito, l'opinione all'interno di Nintendo è stata divisa: gli sviluppatori che giocavano spesso amavano davvero il loro tempo con il gioco, ma il team del marketing? Hanno rifiutato categoricamente l'idea che i personaggi di Nintendo si picchiassero a vicenda. Anche prima di giocarci". Per fortuna poi si è scelto di inserire gli iconici personaggi Nintendo, i quali hanno sicuramente contribuito al successo della serie.

Fonte: GamesRadar

A proposito dell'autore

Claudia Marchetto

Contributor

Commenti