Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

WWE 2K22 Anteprima: Booyaka. Booyaka. Six-one-nine

Scopriamo la cover star di WWE 2K22, il leggendario luchador Rey Mysterio.

Tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, quando il mondo del wrestling statunitense si abbatté con la forza di un uragano sui palinsesti delle TV di mezzo mondo, la disciplina era quasi totalmente appannaggio di personaggi dai fisici scultorei, dalla forza erculea, uomini e donne talmente preparati fisicamente da poter affrontare sfide praticamente impossibili per chiunque altro.

Basti pensare ai nomi che hanno reso celebre il vecchio Catch presso il grande pubblico: Hulk Hogan, André the Giant, Yokozuna, Ricky Steamboat, James Brian 'Ultimate Warrior' Helwig, The Rock, The Undertaker, tanto per citarne alcuni.

Nei vent'anni successivi, tuttavia, lo 'sport-entertainment' è cambiato parecchio, sia sotto il punto di vista delle storie che vengono narrate settimanalmente, sia in termini di lottato. Gli atleti non fanno più affidamento sulla sola forza bruta per mandare in visibilio le folle ma sono capaci anche di acrobazie contrarie a qualunque legge della fisica tra salti funambolici dalle corde, evoluzioni dalla cima dei paletti e mosse dall'altissimo tasso di rischio.

E se c'è qualcuno che ha spianato la strada per una rivoluzione così drastica nel modo di intendere il wrestling, quello è sicuramente Óscar Gutiérrez Rubio, meglio conosciuto con il ring name di Rey Mysterio.

Il leggendario luchador mascherato, nato a San Diego, in California (prefisso telefonico 619, ndR), da una famiglia di lottatori di origini messicane, è approdato in WWE, la principale federazione di wrestling del pianeta, solo nel 2002 ma aveva già avuto modo di costruirsi un nome negli anni precedenti sui ring delle ormai defunte ECW e WCW.

Al di là dei costumi dai colori vibranti, al di là delle manovre mozzafiato eseguite sempre con incredibile precisione, al di là di un innato carisma che ha catalizzato l'attenzione degli appassionati negli anni a venire, ciò che ha sempre caratterizzato Mysterio è stata la volontà di valicare qualsiasi limite imposto dalla vecchia concezione della materia. Basti pensare che è stato il primo atleta della categoria 'pesi leggeri' a partecipare ad un match per pesi massimi valevole per il titolo... e a vincerlo!

Insomma, stiamo parlando di un autentico pioniere, di un precursore di un nuovo modo di intendere il wrestling, di un atleta che ha ispirato decine di altre superstar passate, presenti e future, nonché di una vera e propria icona pop degli ultimi due decenni.

Rey Mysterio è la cover star di WWE 2K22 e la sua carriera sarà protagonista della modalità Showcase del gioco.

Oggi, per celebrare il ventesimo anniversario dalla prima apparizione nello 'squared circle' targato WWE, Rey Mysterio è stato scelto come star di copertina per WWE 2K22, il celebre simulatore di wrestling di 2K Sports che, per la prima volta, sbarca anche sulle console di nuova generazione.

Dopo il disastroso passo falso dell'edizione del 2020 flagellata da macroscopici errori tecnici e strutturali e accolta con sdegno da critica e pubblico,Visual Concepts e 2K Sports hanno ben pensato di riprogettare il titolo fin nelle fondamenta in modo da dare ai fan un prodotto valido, curato in ogni sua parte e contenutisticamente ricchissimo. E dobbiamo dirvi che, a giudicare da quanto è stato mostrato finora, la strada sembra quella giusta.

Qualche giorno fa abbiamo potuto partecipare ad un evento di presentazione dedicato al titolo, condotto dal celebre podcaster e youtuber Sam Roberts, dal ring announcer WWE Byron Saxton e dallo stesso Rey Mysterio che si è mostrato parecchio entusiasta di questo nuovo traguardo della sua stellare carriera.

"Rappresentare la cultura della lucha libre come Superstar di copertina per WWE 2K22 è un momento di grande orgoglio non solo per me ma anche per le generazioni che verranno dopo di me", ha detto Mysterio, "non vedo l'ora di condividere le storie dietro i grandi momenti della mia carriera con una comunità dedicata di giocatori, collegandomi con i fan della WWE in un modo completamente nuovo mentre giocano attraverso il mio Showcase 2K. Qui vedrete delle cose che non avete mai visto prima, quindi preparatevi per questa folle corsa".

Gli sviluppatori sembrano aver fatto tesoro delle critiche ricevute negli scorsi anni e stanno portando l'edizione del 2022 in una direzione nuova.

In quanto cover star del titolo, infatti, la carriera di Mr.619 sarà protagonista della popolare modalità Showcase che permette ai giocatori di sperimentare in prima persona alcuni dei momenti salienti del suo percorso negli ultimi vent'anni di wrestling. A detta dello stesso Rey, saranno inclusi alcuni match leggendari come quello contro il compianto Eddie Guerrero a Wrestlemania 21, quello a Raw contro Shawn Michaels a pochi giorni dalla dipartita di Guerrero o quello spettacolare contro The Undertaker alla Royal Rumble del 2010 (e potremmo scommettere che anche il triple-threat con Randy Orton e Kurt Angle a Wrestlemania 22 farà parte dello Showcase).

Si tratta di un ottimo modo per ripercorrere le tappe più importanti della carriera di Rey Mysterio con tanto di interviste realizzate per l'occasione e filmati di repertorio provenienti direttamente dal periodo d'oro del wrestling in TV. Se avete nostalgia di quegli anni o semplicemente volete scoprire la storia di uno dei più grandi atleti che abbiano mai calcato il ring, questa è un occasione che non vorrete perdervi.

Che dire, invece, delle novità in termini di gameplay e di contenuti? Allo stato attuale non abbiamo ancora avuto occasione di testare con mano WWE 2K22 ma gli sviluppatori hanno già iniziato a svelare alcuni elementi importanti che potrebbero determinare il successo di questa edizione che, a quanto pare, sarà differente dal passato 'come look, come feeling e come potenza', qualunque cosa voglia dire.

Il titolo vi darà la possibilità di vivere in prima persona alcune delle rivalità più importanti della storia della WWE.

Visual Concepts ha ridisegnato dal principio l'engine alla base del titolo che ora dovrebbe garantire animazioni più fluide e realistiche nonché espressioni facciali più accurate ed ha anche implementato uno schema di comandi completamente nuovo.

Laddove in passato il simulatore di 2K tendeva a favorire la spettacolarità dell'azione a discapito dei tecnicismi e della competizione più pura, questa nuova iterazione del brand sembra intenzionata a mischiare le carte in tavola introducendo meccaniche assimilabili ai fighting game più tradizionali. Sotto questo aspetto, però, ci riserviamo di pronunciarci solo dopo aver provato con mano le novità ideate dal team di sviluppo: fino ad allora manterremo un timido entusiasmo.

E poi c'è lei, la modalità più richiesta e bramata dalla community, quella introdotta nell'edizione 2006 di Smackdown Vs. Raw ma poi lasciata nel dimenticatoio negli anni successivi. Ebbene sì, finalmente la fantomatica GM Mode farà ritorno in WWE 2K22 e consentirà agli utenti di creare la propria promotion di wrestling scegliendo il proprio roster, stabilendo gli incontri e gestendo il percorso delle varie superstar. È una splendida notizia che, però, andrà testata approfonditamente appena sarà possibile farlo.

Visual Concepts ha ridisegnato lo schema di comandi e anche l'engine alla base del suo simulatore di wrestling.

In definitiva, WWE 2K22 sta prendendo forma come la risposta di Visual Concepts e 2K Sports alle (giuste) critiche mosse dalla stampa e dal pubblico alle passate incarnazioni del brand. La strada, sotto il punto di vista del gameplay, sembra quella corretta e l'introduzione di uno Showcase dedicato al celeberrimo Rey Mysterio è una prospettiva piuttosto allettante.

Torneremo a parlare del titolo nelle prossime settimane, mentre ci avviciniamo alla data di lancio prevista per l'11 marzo 2022 su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S e PC. Allora vedremo se WWE 2K22 davvero 'colpisce in modo differente' rispetto a ciò che conosciamo.

A proposito dell'autore

Avatar di Riccardo Cantù

Riccardo Cantù

Contributor

Nato nel 1993, Riccardo ha coltivato, negli anni, una passione smodata per tutto ciò che è entertainment. Videogiochi, cinema, fumetti, musica e letteratura sono il suo pane quotidiano e ama le lunghe discussioni riguardanti queste tematiche.

Commenti

More Articoli

Ultimi Articoli