Bruce Straley e Neil Druckmann, rispettivamente game director e creative director di The Last of Us, hanno svelato in un podcast (via PSLS) che un primo concept del gioco includeva anche un cane.

Il personaggio è stato "tagliato abbastanza in fretta perché avevamo capito di avere troppa carne al fuoco". Inoltre, "uno dei programmatori è andato fuori di testa" quando ha sentito quest'idea, dal momento che l'inclusione di un protagonista a quattro zampe avrebbe comportato una notevole mole aggiuntiva di lavoro.

Il duo ha pure rivelato che per evitare ulteriori rinvii, terminato il lavoro su Uncharted 3, alcuni elementi del team responsabile dell'ultima avventura di Nathan Drake si sono uniti a quello di The Last of Us.

Liquidata con una battuta l'ipotesi di un sequel, gli esponenti di Naughty Dog hanno fatto intendere che il DLC previsto è "una piccola side story che pensiamo possa aggiungere altro a quello che avete provato", sebbene tutto sia "ancora agli inizi".

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.