Molti ci speravano e altrettanti temevano questo tipo di annuncio per svariati motivi. The Last of Us: Part II è ormai realtà ma cosa possiamo aspettarci narrativamente parlando da questo secondo capitolo delle avventure di Ellie e Joel?

Come riportato da GamesRadar+, Naughty Dog ha brevemente parlato di alcuni aspetti del titolo non condividendo, comprensibilmente, troppi dettagli. Il director Neil Druckmann e la doppiatrice di Ellie, Ashley Johnson hanno rivelato il tema principale di questo sequel e chiesto ai fan di riporre fiducia nel lavoro della software house.

"Abbiamo pensato davvero molto a questo progetto. So che molte persone non vedono l'ora di rivisitare questi personaggi e di rivivere ciò che quel finale ha significato. Dovete capire che nessuno ama questi personaggi più di noi e che non svilupperemmo questo gioco se non sentissimo di possedere l'idea giusta.

1

"Crediamo davvero molto in questo progetto. Ho pensato a moltissime idee che proponevano personaggi diversi ma non è mai sembrato giusto. The Last of Us riguarda questi protagonisti in particolare. Questa Parte II è una storia complementare all'ultimo gioco e insieme racconteranno una vicenda molto più ampia. Tutto ciò che chiedo ai fan del primo titolo è di riporre un po' di fiducia in noi, state certi che renderemo giustizia a Joel ed Ellie".

Per quanto riguarda la storia di questo sequel a quanto pare Ellie ha vissuto delle situazioni davvero difficili e il tema principale di The Last of Us: Part II sarà l'odio.

"Se il primo gioco era incentrato sull'amore tra questi due personaggi, questa storia è l'opposto. È incentrata sull'odio, visto attraverso Ellie questa volta. Il primo gioco ti permetteva di controllare Joel, questo Ellie. È tutto ciò che ho intenzione di dire al momento".

Cosa vi aspettate da The Last of Us: Part II?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle