"Death Stranding? Se c'è un maestro nel combinare il divertimento di un videogioco e il piacere di una storia quel maestro è Hideo Kojima"

Il regista J.J. Abrams dice la sua sull'opera e sul suo autore.

Per quanto recensori e giocatori non siano tutti concordi sulle qualità e sul valore di Death Stranding, la prima fatica del nuovo Hideo Kojima post Konami ha attirato le attenzione anche di moltissime personalità non strettamente legate al mondo dei videogiochi.

Dopo le opinioni molto interessanti espresse dal regista di Ghost in the Shell, Mamoru Oshii, eccoci alle prese con altre dichiarazioni, questa volta del noto regista dell'imminente Star Wars: L'Ascesa di Skywalker. Stiamo ovviamente parlando del regista, sceneggiatore e produttore J.J. Abrams.

Abrams è stato intervistato da IGN in un video che potrebbe contenere alcuni spoiler. Le parole che riportiamo però non ne contengono alcuno. Il regista, che ha più volte incontrato Kojima, loda il suo lavoro e la sua spiccata autorialità.

"Death Stranding è Kojima allo stato puro. È il tipo di gioco che è un progetto emotivo così specifico. C'è una unicità, una qualità speciale che per certi versi senti nella sua arte. So che ci hanno lavorato molte persone ma si può vedere l'impronta di Hideo Kojima. Ovviamente ha aspetti che possono essere famigliari ma ci sono chiaramente delle cose che sono completamente nuove e insolite. Quando pensi a un gioco di Hideo ti aspetti qualcosa che vada oltre i limiti, qualcosa che non hai ancora visto e sembra che sia esattamente ciò che ha fatto ancora una volta.

"Il sogno è che il narratore (il game designer, il filmmaker) abbia un segreto, che stiano facendo cose più importante. Che c'è un altro strato, un'altra ragione per cui la loro creazione esiste. Un altro messaggio che stanno cercando di esprimere. Se nella creazione c'è un'intenzione più profonda si sente mentre si gioca. L'idea che si possano fare entrambe le cose, che si possa narrare una grande storia in un medium interattivo equivale a muoversi sul filo di un rasoio e Kojima lo ha fatto e lo aveva fatto anche in precedenza. È una cosa molto impegnativa. Se c'è un maestro nel combinare il divertimento di un videogioco ma anche il piacere di una storia quel maestro è Hideo Kojima.

"Qualsiasi artista diventa conosciuto per il proprio lavoro, perché ha corso dei rischi e non ha semplicemente fatto cose che erano già state fatte in passato. Una volta che ti sei fatto un nome e hai avuto successo il pericolo sta nel diventare consapevole di quel successo e pensare 'oh questa è la cosa che mi ha portato successo, dovrei continuare a farla'. A quel punto stai sostanzialmente copiando il tuo stesso lavoro. Per quanto mi riguarda le persone che davvero rispetto come creativi sono le persone che non danno retta a quel pensiero. Chi rimane umile, chi rimane curioso, coloro che hanno paura di non fare la cosa giusta. Chi si pone ancora delle domande e si spinge oltre i limiti. Non appena stai facendo qualcosa e ti senti al sicuro probabilmente ciò che stai facendo non vale la pena di essere realizzata".

Ricordandovi di dare un'occhiata alla nostra guida di Death Stranding, cosa pensate delle parole di J.J. Abrams?

Fonte: WccfTech

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Horizon Zero Dawn 2 avrà un comparto multiplayer online?

Così sembra, stando agli annunci di lavoro di Guerrilla.

Half-Life: Alyx è già pronto e lo sviluppo è completo

Valve è nella fase di correzione dei bug e non prevede ritardi per l'uscita.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza