The Last of Us: Parte II farà scuola di accessibilità con Naughty Dog che condividerà le sue conoscenze con altri studi

'Continueremo a collaborare con altri sviluppatori e team'

Mettendo da parte tutti gli elementi come il gameplay o la storia, The Last of Us Part 2 di Naughty Dog ha ricevuto molti elogi per le sue funzionalità di accessibilità incluse. Ci sono oltre 60 feature che hanno permesso a giocatori con problemi alla vista di giocare e completare l'intero gioco. Ora, sembra che lo studio voglia aiutare altre compagnie.

In un'intervista con Can I Play That, Matthew Gallant, Lead Systems Designer di Naughty Dog, ha dichiarato: "la condivisione delle conoscenze è fondamentale per il progresso del supporto dell'accessibilità nel settore dei giochi". Ha aggiunto, "Continueremo a discutere e collaborare con altri sviluppatori e studi che si stanno sforzando di fornire migliori funzionalità di accessibilità per i giocatori".

Inoltre, la co-lead Game Designer Emilia Schatz spera che "l'investimento di Naughty Dog nell'accessibilità permetta ad altri sviluppatori di migliorare queste funzionalità per i propri giochi".

Ovviamente, la speranza è che la vastissima gamma di opzioni di accessibilità di The Last of Us Part 2 di Naughty Dog sia presente anche nei futuri titoli first party di Sony, e che tutto ciò ispirerà il maggior numero possibile di team.

The Last of Us Part 2 è diventato l'esclusiva PS4 venduta più velocemente, con 4 milioni di copie distribuite in soli 3 giorni.

Che ne pensate?

Fonte: Dualshockers.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Remothered: Broken Porcelain, l'atteso horror italiano, è stato rinviato

Gli sviluppatori annunciano la nuova data di uscita.

Silent Hill per PS5 ancora al centro dei rumor. L'annuncio nel 2020 confermato?

Le ultime dal più noto degli insider in ambito horror.

'Xbox Series X ha risolto molti dei problemi dell'attuale generazione di console'

Bloober Team spiega che solo grazie alla console next-gen è stato possibile realizzare The Medium.

Song of Horror - recensione

La melodia della paura.

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza