Returnal - I consigli per iniziare al meglio l'avventura

Tutto quello che c'è da sapere su Returnal, trucchi e consigli.

Returnal è un particolare roguelike di Housemarque in esclusiva per PS5, un titolo che cerca di proiettare questo genere nel mercato tripla A e soprattutto nella next-gen.

Data questa sua elevata ambizione, è anche un videogioco particolare, che intreccia meccaniche tipiche del genere con ispirazioni metroidvania e un pizzico di ispirazione da soulslike. Proprio per questo motivo, è un mosaico di meccaniche estremamente complesse e non sempre accessibili.

Abbiamo dedicato una guida intera a tutte le meccaniche di Returnal, e vi suggeriamo di dargli uno sguardo cliccando sul link per sapere la natura di ogni oggetto e di ogni meccanica che incontrerete.

In questa pagina, invece, abbiamo raccolto i consigli e i trucchi per iniziare l'avventura su Atropo, un piccolo compendio di cose che avremmo voluto sapere quando abbiamo giocato per la prima volta.

Ecco, di seguito, i trucchi e i consigli per farsi strada in Returnal:

La morte non è la fine, anzi

Morire fa parte di Returnal. Qualsiasi giocatore soulslike conosce bene questo mantra, ma in questo caso si tratta di un roguelike, e dato che perderete spesso e volentieri molti progressi avrete la sensazione di sbattere la testa contro un muro. Inutile dire che non è così: morire, in Returnal, è solo l'inizio e la presenza di un vero e solido sistema di progressione di cui parleremo in seguito è la chiave di volta di questo sistema. Sì, è vero, ricomincerete il ciclo più e più volte, ma diventerete sempre più forti dotandovi di potenziamenti permanenti e molte altre abilità.

Don't Get Hit - Non fatevi colpire!

Questa filosofia nata con Super Smash Bros. È importantissima nel mondo di Returnal. Non basta sopravvivere: bisogna farlo senza farsi colpire. Perché, chiederete voi? Se non ci si fa colpire aumenta il livello di Adrenalina, che porta enormi buff alle statistiche di Selene dopo ogni uccisione. Ma non finisce qui. Avete presente il Silfio, quella materia verde che ripristina HP? Ecco, se la vostra salute è al massimo, tutto il Silfio della mappa si trasformerà in una Resina di Silfio, un oggetto importantissimo che vi permette di incrementare la vostra salute massima. Ciò significa che se non verrete colpiti non dovrete curarvi e potrete, invece, aumentare a dismisura l'integrità di Selene.

La progressione esiste

Come anticipato, c'è un solido sistema di progressione in Returnal che strizza l'occhio ai metroidvania. Proseguendo nell'avventura, spesso sconfiggendo i boss ma non solo, otterrete potenziamenti permanenti per la tuta di Selene che, oltre a modificare sostanzialmente il gameplay, daranno vita a vere e proprie shortcut che vi permetteranno di saltare interi biomi. Ciò significa che il vostro obiettivo principale non è mai quello di arrivare in fondo ai cicli, bensì quello di mettere le mani il prima possibile sul prossimo potenziamento permanente, in modo da progredire lungo questo sistema.

Aprire porte chiuse, cancelli energetici e chi più ne ha più ne metta

Atropo nasconde un sacco di piccole sfide che non sono sempre intuitive. Vi capiterà, ad esempio, di imbattervi in grossi cancelli sigillati che proteggono dei forzieri. E come si aprono? Semplicissimo: nelle vicinanze ci sarà sempre un interruttore a cui sparare per aprire la saracinesca. Ok, e le barriere gialle, invece? Per distruggere le barriere gialle bisogna utilizzare un attacco corpo a corpo, ma solo quando l'Adrenalina raggiunge il livello 2, momento in cui questa mossa riceverà un sostanziale buff ai danni. Ma non è finita qui: su Atropo ci sono anche stanze segrete, individuabili tramite piccole lucine fluttuanti sopra quelle che sembrano botole, nonché muri invisibili, riconoscibili tramite delle crepe che andranno distrutte con la forza bruta.

Non abbiate paura degli oggetti maligni!

Alcuni oggetti, come ormai saprete, sono intrisi di Malignità, il che significa che raccoglierli potrebbe infliggere un'avaria alla vostra tuta, ovvero un malus piuttosto pesante. Alcune avarie, ad esempio, sono: “Non puoi raccogliere armi”, oppure “La mappa è disattivata”. La buona notizia è che ogni avaria farà comparire una piccola missione secondaria in alto a sinistra dellHUD, e una volta che avrete soddisfatto i requisiti sarà rimossa. Tutto questo per dire che non dovete aver paura di interagire con gli oggetti maligni, specialmente se ne avete bisogno. A volte, una chiave o un'arma possono fare la differenza, mentre gli scrigni maligni offrono anche ricompense incredibili come reperti e oggetti personali.

Spendete quegli Oboliti!

Gli Oboliti sono la principale “valuta” utilizzata su Atropo, vengono droppati dai nemici sconfitti in quantità variabile e si possono ottenere da piccoli affioramenti minerari. Esistono anche dei consumabili che vi permettono di accumulare più oboliti del solito, e avere l'adrenalina al livello 5 significa ottenere oboliti doppi. Ma a cosa servono? Gli oboliti attivano i Fabbricatori presenti su Atropo, piccole colonnine con cui è possibile creare oggetti di ogni genere. Non abbiate paura di spenderli e costruite la vostra build personale investendo in potenziamenti e buff di ogni tipo!

Ma soprattutto, spendete quell'Etere

L'etere è l'unica risorsa che sopravvive al ciclo temporale di Atropo. Ciò significa che morendo non perderete mai etere, e potrete accumularlo a piacimento fino a raggiungere 30 unità totali, che è il limite massimo di etere. L'etere si usa per attivare i ricostruttori, dispositivi che vi garantiscono una “vita extra”, ma non solo. L'etere può anche essere scambiato per oboliti presso apposite banche, e può essere utilizzato all'inizio di una run per ottenere un potenziamento casuale. Ci è capitato molto presto di raggiungere il cap di 30 etere, quindi vi consigliamo di accumularne un po' e di spenderlo spesso e senza remore.

Fiale di Silfio

Le cure, in un roguelike, sono la cosa più importante in assoluto. Oltre al silfio e alle resine che potete trovare in natura su Atropo, esistono dei consumabili chiamati Fiale di Silfio, in varianti piccole e grandi, che vi permettono di recuperare vita una-tantum. Ogni Fabbricatore principale presente nei biomi (ce n'è uno in ogni bioma) vende una fiala grande di silfio sempre e comunque, quindi è bene comprarla e metterla in saccoccia. Inoltre, quando cambiate bioma, troverete ad attendervi una fiala di silfio grande. È inutile dire che accumulare queste fiale vi permetterà di curarvi ripetutamente, consentendovi di sopravvivere con facilità anche negli ambienti più ostili.

La ripetizione conduce alla maestria

Il sistema di progressione non è l'unica cosa che conta. Morendo e ripetendo i vari biomi prenderete confidenza con i movimenti, con i nemici, per non parlare dei boss. Arriva un certo punto in cui è possibile finire il gioco in meno di 10 minuti, e non stiamo esagerando. Ciò significa che piuttosto di caricare a testa bassa per raggiungere il punto dell'ultima morte, conviene invece armarsi di pazienza e imparare a sopravvivere nell'ambiente ostile di Atropo. Ad un certo punto diventerete macchine inarrestabili.

Gli Infocubi sono la cosa più preziosa che esiste

Gli Infocubi sono piccoli oggetti dalla forma cubica in cui vi imbatterete per la prima volta dopo aver sconfitto Phrike, il primo boss del gioco. Questi sono di gran lunga gli oggetti più rari di tutto Atropo. Nascosti in stanze segrete, sezioni di mappa non segnalate o dietro muri invisibili, gi Infocubi permettono di sbloccare in modo permanente nuovi reperti, nuovi buff e nuovi consumabili che saranno aggiunti, da quel momento in avanti, alla tabella dei drop di Returnal. Per sbloccare un Infocubo bisogna riuscire a portarlo fino a un apposito dispositivo che si trova spesso subito dopo l'arena di un boss.

Se siete forti, ripulite la mappa

Questo è un consiglio che viene da sé: se siete forti, se vi sentite sicuri, se avete un'arma che vi piace e tanti punti vita, dovreste ripulire tutte le aree della mappa. Questo perché l'effetto “valanga” è molto facile su Returnal: se partite bene, magari ottenendo un po' di cure e qualche reperto, avete l'opportunità di diventare presto inarrestabili, trasformando Selene in una sorta di Predator che si aggira per Atropo assetato di sangue. Quindi, se vi sentite sicuri di voi stessi, dovreste visitare sempre tutte le zone opzionali di ogni bioma.

Ninja Selene attacca in corpo a corpo

Sottovalutare il corpo a corpo è molto, molto facile. L'attacco con la Spada Atropica di Selene è più che sufficiente per mettere a tacere con un solo colpo la maggior parte dei nemici più comuni di Atropo, e basta sempre un sol colpo per stordire buona parte di quelli più grandi. Esuli, Spriggan, Robot: non c'è nemico che riesca a resistere ad un singolo fendente della lama di Selene, quindi vi consigliamo di sfruttarla ogni volta che potete.

E con questo è tutto! Benvenuti su Returnal!


Nella guida completa di Returnal::


Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Redattore

Cresciuto a pane, cultura nerd e videogiochi, i suoi primi ricordi d'infanzia sono tutti legati al Super Nintendo. Dopo aver lavorato dentro e fuori dall'industry, è finalmente riuscito ad allontanarsi dalle scartoffie legali e mettere la sua penna al servizio di Eurogamer.it.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza