Skip to main content
Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

La mod Ghostwire: Tokyo R.E.A.L. VR offre l'esperienza migliore per godersi il gioco

La più spaventosa.

Ghostwire: Toyko è uno dei pochi videogiochi per cui mi sono impegnato a conquistare tutti i trofei. Non è stato un Platino divertente dopo tutto, visto che dopo circa dieci ore il gameplay diventa abbastanza ripetitivo, e le meccaniche per la conquista dei trofei si basano quasi interamente sul grind di collezionabili.

Quindi perché lanciarsi in questa impresa? Per farla breve, ho amato follemente l'aspetto e il feeling della versione di Shibuya messa in scena da Tango Gameworks. Il modo in cui le strade allagate dalla pioggia riflettono i neon delle insegne è semplicemente ammaliante. Le ambientazioni minuziosamente dettagliate danno la sensazione di sentirsi realmente lì, in una città che si muove, piena di vita e densa di abitanti. È un mondo meraviglioso in cui vivere ed essendo un amante del Giappone ed avendo passato la luna di miele girando proprio per alcune aree di Shibuya presenti nel titolo, giocare a Ghostwire: Tokyo è un gran bel modo di godere di quelle location e rievocare i preziosi ricordi del mio viaggio.

Ma adesso, grazie a un’imminente mod realizzata dal maestro delle mod VR, Luke Ross, sono in grado di godere di un’esperienza del mondo di Ghostwire: Tokyo molto più realistica, come se fossi realmente lì. Posso affermare senza dubbio che è per me il modo preferito per godermi il gioco. Volete vedere di che si tratta? Potete guardarmi perdere la testa in giro per le ambientazioni di Shibuya nel VR Corner di questa settimana (video qui sotto).

Non è semplice descrivere quanto sia incredibile essere catapultato dentro al mondo di Ghostwire: Tokyo. La qualità della grafica e il dettaglio del mondo implicano una similitudine quasi perfetta con gli elementi del mondo reale e aumentano incredibilmente il senso d'immersione. I colori e gli effetti particellari che prendono la scena e sprizzano davanti al vostro volto come fuochi d’artificio spettrali ogni volta che sconfiggete un fantasma o assorbite uno sfortunato spirito, sono semplicemente spettacolari. Affermare che un’esperienza simile di Gostwire: Tokyo sia una delizia per gli occhi significa sottostimarla… è semplicemente un’esperienza meravigliosa e unica.

Guarda su YouTube

Nonostante sia difficile per me scegliere il momento migliore del video qui sopra (le viste della città una volta raggiunta una posizione d’altura sono buone candidate), devo dare tantissimo credito ai livelli che offrono le versioni deformate e intrecciate degli appartamenti delle persone. Il modo in cui queste aree s’intersecano, cambiano e vengono presentate con uno stile artistico surreale e inquietante, è incredibilmente affascinante in VR, quasi come essere davanti a una grande attrazione di un parco dei divertimenti.

Proprio come tutte le altre mod di Luke, Ghostwire: Tokyo non offre motion control, quindi sfortunatamente non sarete in grado di utilizzare gesti fisici per attaccare i cattivi. Anche col controller in mano, comunque, si è di fronte a un’esperienza incredibile che vale la pena di provare se ce n’è la possibilità.

La mod stessa è ancora in corso d’opera ma potrebbe essere resa disponibile in qualsiasi momento. Quando sarà finalmente terminata, sarete in grado di trovare la mod Ghostwire: Tokyo R.E.A.L. VR di Luke, insieme a tutte le altre da lui realizzate, nella sua pagina Patreon.

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article

GhostWire: Tokyo

PS4, PS5, Xbox One, PC

Related topics
A proposito dell'autore
Avatar di Ian Higton

Ian Higton

Video Producer

Ian is a video producer, keen streamer, VR enthusiast, battle royale fan and retro connoisseur. He lives in the West Midlands with his ZX Spectrum collection and a troublesome cat.
Commenti