Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Activision Blizzard incolpa Microsoft per la mancata assunzione di un'altra donna nel consiglio

Activision Blizzard ha avuto tre anni per assumere una figura femminile.

La California ha approvato una legge nel 2019 secondo cui i consigli di amministrazione devono avere almeno tre donne entro la fine del 2021, ma Activision Blizzard non è riuscita a rispettare tale scadenza. E per di più, sta incolpando l'acquisizione di Microsoft nonostante abbia quasi tre anni di preavviso.

Nell'ultimo rapporto annuale di Activision Blizzard, la società riconosce di non aver rispettato la scadenza con la nuova legge della California, avendo solo due donne nel suo consiglio di dieci rispetto alle tre richieste. Ha affermato che il motivo è dovuto all'acquisizione di Microsoft che si concluderà nel 2023.

"Per soddisfare questo requisito e migliorare la diversità del nostro Consiglio di amministrazione, la Società ha mantenuto una società di ricerca e ha iniziato a intervistare potenziali dirigenti donne aggiuntive nel 2021", ha scritto Activision Blizzard in una nota. "Tuttavia, poiché gli attuali direttori della Società avrebbero cessato di continuare a far parte del nostro Consiglio di amministrazione al termine della transazione proposta con Microsoft, non siamo stati in grado di concludere il processo nel 2021. Continueremo i nostri sforzi per nominare un nuovo direttore donna".

La legge è stata approvata il 1 gennaio 2019 e all'epoca il consiglio di Activision Blizzard aveva Reveta Bowers ed Elaine Wynn, le uniche due donne. Wynn ha lasciato l'anno successivo ma è stata rapidamente sostituita con Dawn Ostroff, ma non è riuscita ad assumere altre donne in quel lasso di tempo.

Fonte: Eurogamer

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article

Overwatch 2

PS4, Xbox One, PC, Nintendo Switch

Related topics
A proposito dell'autore
Commenti