Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Persona 5: la creatrice di una fanzine ha rubato $21.000 per usarli...in Genshin Impact

Brutta notizia per i fan della fanzine di Persona 5.

Qualche giorno fa, il team creativo dietro l'attesissima fanzine Persona 5 ha annunciato una pessima notizia: la sua organizzatrice ha confessato di aver speso 27.600 dollari canadesi per "uso personale".

Stiamo infatti parlando di di circa 20.000 euro, una somma originariamente destinata a stampare e inviare tutta l'arte non ufficiale creata dal gruppo e la merce ai clienti. Uno degli artisti del progetto afferma che questa principale organizzatrice nota come Ree sulle reti, ha speso tutti i soldi dei fondi giocando a Genshin Impact.

Showtime è il nome della zine non ufficiale che ha personaggi come Joker e Crow del popolare JRPG Persona 5 di Atlus. A seguito dell'appropriazione indebita, i restanti cinque membri del progetto hanno rimosso Ree dal team di moderazione: in questo modo non fa più parte della direzione di questa zine.

Tuttavia la vicenda è molto oscura, perché il team ha detto che non può intraprendere un'azione legale poiché tutte le prenotazioni di Showtime sono state elaborate tramite l'account personale di Ree. A peggiorare le cose, il team della zine non ha mai firmato alcun contratto con lei. Per ora, il resto dei moderatori prevede di organizzare una raccolta fondi per soddisfare le richieste in sospeso.

Ree sembra abbia mentito ai membri del team pubblicando falsi screenshot per mesi, nascondendo così le prove di appropriazione indebita, sebbene il progetto fosse già in difficoltà da tempo. A gennaio, Showtime aveva twittato che il suo moderatore aveva il coronavirus, per questo non potevano condividere aggiornamenti. Ma nei commenti si possono leggere molti utenti che affermano che la comunicazione sullo stato dell'invio da parte della zine era da mesi che mancava di trasparenza.

Il 2 maggio Ree ha smesso di inviare ordini, mantenendo ancora il controllo finanziario della rivista. Aryll -un altro moderatore- ha riconosciuto la preoccupazione dei clienti per la situazione; fino al 15 maggio il progetto aveva raccolto quasi 90.000 CAD (circa 66.127 euro).

Dopo tutto questo caos, alcuni utenti di Twitter hanno sottolineato che è matematicamente improbabile spendere una tale quantità di denaro sottratto all'interno di Genshin. Altri hanno accusato le fanzine di mancanza di professionalità e risorse. Attualmente il team non ha pubblicato ancora nessun commento a riguardo.

Fonte: PCGamer

A proposito dell'autore

Claudia Marchetto

Contributor

Commenti