Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

La rigiocabilità in Prey verrà gestita in maniera simile a Dishonored

D'altronde entrambi sono stati sviluppati da Arkane Studios.

Manca veramente poco al 4 maggio, data d'uscita dell'attesissimo Prey, il gioco d'avventura in prima persona con tinte horror che tanto deve al suo predecessore spirituale System Shock. Più la data d'uscita del gioco si avvicina e più emergono nuove informazioni sul titolo: stavolta a svelarci qualcosa di nuovo è il Creative Director Raphael Colantonio, che ai microfoni di AListDaily spiega come verrà gestita la rigiocabilità in Prey.

Prey è sviluppato da Arkane Studios, team già conosciuto dai videogiocatori grazie al tanto apprezzato franchise di Dishonored, ed è forse per questo che il nuovo sci-fi horror in prima persona gestirà la rigiocabilità proprio come Dishonored: non sarà infatti sufficiente un solo playthrough per entrare in possesso di tutti i poteri disponibili nel gioco, ma sarà necessario giocare il gioco più e più volte, meccanica che si sposa bene con i bivi della trama proposti durante la storia del gioco.

Se avete intenzione di acquistare Prey vi consigliamo di provare la demo gratuita disponibile da oggi su PS4 e Xbox One, e se volete ancora più info sul nuovo titolo di Arkane Studios potete leggere la nostra prova per vedere cosa ne pensiamo del gioco.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Marco Brigato

Marco Brigato

Contributor

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Commenti