Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Valve impedisce ai giocatori professionisti di Counter-Strike di scommettere sui match ufficiali

"Questi individui hanno informazioni che non sarebbe giusto sfruttare".

Il mondo dell'eSports si sta progressivamente uniformando a quello di tutte le altre attività sportive professionistiche con premi in denaro davvero notevoli e veri e propri giri di scommesse sui match ufficiali.

Valve ha, tuttavia, deciso di regolamentare in parte questa particolare situazione impedendo ai giocatori professionisti di piazzare scommesse sui tornei ufficiali di Counter-Strike: Global Offensive anche se non dovessero prender parte all'evento in questione. Secondo gli sviluppatori, infatti, i giocatori progessionisti, gli organizzatori degli eventi e coloro che fanno parte dello staff hanno informazioni privilegiate sui team, che garantirebbero dei vantaggi ingiusti nel piazzare una certa scommessa.

"Giocatori professionisti, team e chiunque sia coinvolto nell'organizzazione di eventi legati a Counter-Strike: Global Offensive non dovranno in alcun modo scommettere sui match o fornire informazioni che potrebbero influenzare le scommesse di altri individui. Coloro che decideranno di non sottostare a questa regola rischiano di danneggiare la propria reputazione, quella del proprio team, della community e potrebbero, inoltre, essere esclusi da qualsiasi evento futuro sponsorizzato da Valve".

Il mondo degli eSports si sta decisamente avvicinando a quello degli sport tradizionali con tutti i lati positivi e quelli negativi che ciò comporta.

A proposito dell'autore

Avatar di Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Contributor

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Commenti