Il secondo trailer di GTA V sarà disponibile oggi alle ore 17, ma prima di dargli un'occhiata potreste essere interessati alle ultime dichiarazioni di Dan Houser, co-fondatore di Rockstar Games.

Houser ha spiegato ai microfoni di Famitsu come mai il nuovo Grand Theft Auto sia stato sviluppato per le console dell'attuale generazione e non sulle mirabolanti (vogliamo fidarci) macchine next-gen.

"Rockstar è una compagnia di contenuti, non di hardware", è stato il primo commento del director di GTA V. "Usiamo la tecnologia che abbiamo per creare contenuti e proviamo a non essere schiavi dell'hardware. L'attuale hardware è così maturo che riusciremo a portarlo a un livello completamente nuovo".

"Grand Theft Auto IV è stato il nostro primo tentativo su una nuova piattaforma con grafica HD, quindi la prima parte dello sviluppo è stata molto complicata. Ora conosciamo cosa può fare questo hardware, quindi è diventato tutto più facile e anche più divertente. GTA: San Andreas è uscito al picco del ciclo di PS2 e per questo motivo siamo riusciti a creare un gioco molto buono".

"Tutti i migliori giochi", conclude Houser, "arrivano alla fine del ciclo vitale delle console. Quindi non c'era momento migliore" per lanciare Grand Theft Auto V.

Siete d'accordo con queste affermazioni?

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.