CD Projekt: "la grafica sarà la migliore possibile su ogni piattaforma"

Gli sviluppatori di The Witcher 3 rassicurano gli appassionati.

The Witcher 3: Wild Hunt è uno dei titoli più attesi di questa nuova generazione ma, allo stesso tempo, rappresenta un vero e proprio banco di prova per PS4 e Xbox One. Riuscire a gestire un open world dalle dimensioni notevoli e dal dettaglio incredibilmente curato come quello creato da CD Projekt RED dimostrerebbe il valore delle nuove console dal punto di vista tecnico.

Il lead game programmer, Grzegorz Mocarski, ha parlato dello stato dei lavori e degli obbiettivi da raggiungere prima della release in un'intervista rilasciata a Gaming Bolt.

"Per il momento non stiamo parlando di risoluzioni. Stiamo lavorando per raggiungere la massima qualità possibile su ogni piattaforma e dal lato del framerate ci stiamo ancora occupando dell'ottimizzazione. Prendersi più tempo per lo sviluppo è stata una buona decisione? Il tempo ce lo dirà ma credo che sia importante creare un prodotto che ci soddisfi come sviluppatori e che allo stesso tempo sia gradito dal pubblico. Preferisco lavorare più a lungo piuttosto che pubblicare qualcosa che non è pronto".

Mocarski ha, inoltre, confermato che saranno presenti diversi finali alternativi e che l'esperienza di gioco sarà fortemente condizionata da ogni nostra scelta. Il lead programmer rivela, in questo senso, che la caratteristica migliore di The Witcher 3 è la sensazione di libertà che si respira durante tutta l'avventura.

Il nuovo capitolo che ha per protagonista Geralt di Rivia si presenta come uno dei titoli più ambiziosi del 2015. Riusciranno i CD Projeckt RED a mantenere le promesse e a soddisfare le aspettative?

Vai ai commenti (26)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

The Witcher incontra gli anni '80 grazie allo splendido lavoro di un artista

Geralt come Jena Plissken in "1997: Fuga da New York".

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (26)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza