Apex Legends è il nuovo battle royale del momento, con i suoi oltre 50 milioni di utenti registrati ma come spesso accade i problemi non mancano di certo, soprattutto in ambito cheater.

Come riporta Thegamer, il titolo incorrere nella sostanzialmente inevitabile piaga dei cheater, problema che affligge ogni gioco competitivo online che si rispetti, e contro cui le software house lottano ogni giorno a suon di ban. Questo fenomeno, in Apex Legends, è in costante aumento, complice anche la costante popolarità che il gioco acquisisce. Sono stati oltre 350.000 gli account bannati dal lancio del titolo a febbraio, per rendere l'idea.

Secondo molti giocatori della community, gli sforzi profusi finora non sono sufficienti, e l'unica soluzione per ridurre il numero dei cheater in gioco, ad ora, sarebbe quella di attuare il region lock nei confronti della Cina, di fatto impedendo ai giocatori cinesi di prendere parte alle partite delle lobby occidentali.

Un utente in particolare, FreshmeatOW, sottolinea come gli hacker cinesi siano stati il flagello costante di PUBG, per cui invita Respawn a non ripetere lo stesso errore di Bluehole. Gli sviluppatori di PUBG ammisero infatti, la scorsa estate, che il 99% di tutti gli account bannati provenivano dalla Cina, e nonostante 13 milioni di ban altri cheater cinesi continuavano ad arrivare sui server.

Apex_via_USGamer

Un altro utente Reddit di Hong Kong ha spiegato come la cultura cinese del videogioco sia ben diversa da quella occidentale, per via di una società diversa nella quale la vittoria è apprezzata con ogni mezzo, anche imbrogliando, inoltre quello asiatico è un mercato in cui la pirateria è rigogliosa e vi è anche abbondanza di programmatori cinesi che vogliono entrare nell'industria del game hack.

Come dovrebbe comportarsi Respawn secondo voi?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Altri articoli da Stefan Tiron