Se tenete il passo con notizie del settore dei videogiochi, saprete che il crunch e gli ambienti di lavoro non esattamente ideali sono stati discussi in modo prominente negli ultimi tempi. Sempre più lavoratori all'interno del settore si sono sentiti abbastanza coraggiosi da farsi avanti su tali problemi e, mentre speriamo che ciò possa creare enormi passi avanti per la cultura del lavoro nell'industria, sembrerebbe che Nintendo stia già gestendo il problema in modo ammirevole, segnala Nintendolife.

Poco fa, è stato rivelato che Animal Crossing: New Horizons, il titolo più recente della serie diretta su Switch, è stato rimandato fino al prossimo anno, "per garantire che il gioco sia il migliore possibile". Naturalmente, questo suggerirebbe che il gioco non è ancora in uno stato adatto per il lancio, con ancora parecchi mesi di lavoro necessari prima che il team possa essere veramente soddisfatto.

Parlando con IGN, il presidente di Nintendo of America, Doug Bowser, ha affrontato entrambi questi argomenti e in che modo sono effettivamente collegati. Fa notare che la compagnia "non porterà un gioco sul mercato prima che sia pronto" e aggiunge che Nintendo preferisce ritardare il titolo per tutto il tempo necessario, piuttosto che costringere lo staff a orari estremi di lavoro per ottenere il gioco quest'anno.

"Per noi, uno dei nostri principi chiave, è portare un sorriso sui volti delle persone e ne parliamo sempre. È la nostra visione, o la nostra missione, dovrei dire. Per noi, questo vale anche per i nostri dipendenti. Dobbiamo assicurarci che i nostri dipendenti abbiano un buon equilibrio tra lavoro e vita privata".

"Uno di questi esempi è che non introdurremo un gioco sul mercato prima che sia pronto", in riferimento ad Animal Crossing. "È davvero importante avere questo equilibrio nel nostro mondo. In realtà è qualcosa di cui siamo orgogliosi."

Sicuramente questo è un approccio che porterà benefici allo staff di Nintendo e ai suoi fan. Ai nostri occhi, un ritardo per un gioco è più che utile se fornisce ai suoi creatori il tempo e l'energia giusti per renderlo il migliore possibile.

Che ne pensate?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.