Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Final Fantasy XVI conterrà temi maturi e punta ad avere una valutazione 'M'

Final Fantasy XVI sarà per gli adulti.

In una recente intervista, il produttore Naoki Yoshida ha parlato del prossimo gioco di ruolo Final Fantasy XVI, la cui uscita è prevista per l'estate 2023 per PlayStation 5. I giocatori vivranno la storia di Clive, che dovrebbe essere più matura rispetto ai precedenti capitoli della serie.

Di conseguenza, gli sviluppatori si aspettano anche una classificazione M, che corrisponde a una versione PEGI 18+. In passato, i giochi di Final Fantasy venivano solitamente rilasciati con una classificazione E (dai 6 anni in su) o T (dai 13 anni in su). Le uniche eccezioni erano Final Fantasy Type-0 e Stranger of Paradise: Final Fantasy Origin.

Naoki Yoshida ritiene che i limiti di età siano importanti per consentire alle persone di consumare contenuti adatti all'età. Tuttavia, possono anche essere un ostacolo se si vuole raccontare una storia più matura ma si cerca di ottenere una valutazione più bassa.

Nel caso di Final Fantasy XVI i giocatori non dovranno temere tali restrizioni, poiché gli sviluppatori si affidano a una valutazione M. "Questa volta, per assicurarci di poter raccontare la storia come vogliamo, abbiamo deciso di perseguire una valutazione matura nella maggior parte dei paesi in cui il gioco verrà rilasciato. Ma questo non accade semplicemente perché volevamo rendere il gioco più violento o esplicito. Sta accadendo perché abbiamo ritenuto necessario permetterci di esplorare questi temi più maturi che il gioco sta affrontando".

Fonte: The Gamer

Commenti