Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Condrey: "Call of Duty WWII non c'entra con la politica di oggi. La Seconda guerra mondiale non deve svanire"

Sledgehammer Games è convinta dell'importanza del proprio titolo.

In questi casi è difficile capire quanto si stia cercando di promuovere il proprio gioco e quanto invece gli argomenti toccati stiano effettivamente a cuore ma Sledgehammer Games sembra aver preso molto seriamente il proprio lavoro e ciò che Call of Duty WWII racconterà una volta arrivato sul mercato.

La software house parla chiaro attraverso le personalità che più la rappresentano, personalità come il cofondatore Michael Condrey, recentemente intervistato da GameSpot. Condrey ha parlato dell'importanza di questo Call of Duty e del possibile ruolo che l'attuale politica potrebbe aver avuto sullo sviluppo.

"No non penso che l'attuale clima politico abbia influito o cambiato la nostra strategia o il nostro messaggio. Ci siamo messi in moto prima di tutto questo, il tutto fonda le proprie radici nello stesso concetto iniziale che è raccontare una storia di cameratismo ed eroismo in un importantissimo momento della storia dell'umanità. Penso anche che questo soggetto sia ancora molto importante in questi giorni, esattamente come lo era tre anni fa quando abbiamo iniziato. Si tratta di raccontare la storia per far si che non succeda di nuovo, questo è importante. Raccontare la storia perché le persone che hanno lottato per il nostro bene non la raccontano più, questo è ancora importante.

"Ricordo quando ci trovavamo a New Orleans con Marty Morgan, lo storico che ci ha aiutato nello sviluppo, al di fuori del museo di storia dedicato alla Seconda guerra mondiale. Ci ha accompagnato ed è stato un grande momento. Poi ci ha accompagnato a questo monumento dedicato alla Guerra ispano-americana. È un monumento che ormai è in un certo senso dimenticato, è un momento importante della storia ma è in un certo senso lontano dalla rilevanza storica.

"Non possiamo permettere che la Seconda guerra Mondiale svanisca. È stata troppo importante, un momento troppo significativo del nostro passato perché possa sparire dalla storia di questo Paese esattamente come è successo alla Guerra ispano-americana. Questo è stato significativo, ha reso il titolo il gioco più personale e profondo a cui abbia mai lavorato".

Delle parole sicuramente molto importanti quelle di Condrey. Cosa ne pensate?

A proposito dell'autore
Avatar di Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Contributor

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Commenti