Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Activision Blizzard non riconosce il sindacato creato dai tester di Raven Software

Altro colpo duro inferto da Activision Blizzard.

Activision Blizzard non riconoscerà volontariamente la sindacalizzazione dei lavoratori di Raven Software. Pertanto, la decisione sarà presa presto con una votazione presso il National Labor Relations Board.

Secondo gli stessi lavoratori, c'è un'alta probabilità che il voto sia favorevole al processo di creazione del sindacato, che mira a preservare la sicurezza del lavoro dei dipendenti.

Solo dopo aver dato la notizia mercoledì mattina presto, Nicole Carpenter di Polygon ha riferito che Brian Raffel, capo dello studio Raven Software, ha scritto un'e-mail ai lavoratori informando la volontà di Activision Blizzard di ricollocare i lavoratori del dipartimento di controllo qualità (QA) che vogliono unirsi al sindacato verso altri dipartimenti; dal design all'arte passando per l'ingegneria. Presumibilmente, Activision preferisce una mossa del genere per evitare i licenziamenti e, allo stesso tempo, evitare la sindacalizzazione.

I dipendenti di Raven Software hanno confermato l'interruzione del loro sciopero, iniziato lo scorso dicembre con l'obiettivo di potersi unificare. Il team nordamericano, di proprietà di Activision Blizzard, è stato coinvolto in numerosi licenziamenti ingiustificati durante lo scorso anno, tagli al personale e un ambiente di lavoro indesiderabile. Adesso aspettano che il colosso guidato da Bobby Kotick dia il via libera alla creazione di quel sindacato.

Fonte: Polygon

Commenti

More News

Ultimi Articoli