Skip to main content
Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Ubisoft starebbe facendo pochissimo per risolvere i problemi di molestie

Nulla si smuove in casa Ubisoft secondo gli ultimi rapporti.

Ubisoft non sta facendo abbastanza per affrontare i reclami per molestie e comportamenti tossici, secondo i dipendenti dell'azienda. La notizia arriva attraverso un report di Kotaku, in cui diversi dipendenti anonimi affermano che, nonostante le promesse del CEO Yves Guillemot di apportare modifiche, le denunce di molestie non vengono sufficientemente affrontate.

A causa della mancanza di fiducia nel dipartimento delle risorse umane dell'azienda, l'anno scorso Ubisoft ha implementato un'e-mail "Respect at Ubisoft" per gestire i reclami e ha anche introdotto un software di terze parti in grado di riportare molestie sessuali. Queste piattaforme anonime avrebbero dovuto garantire che i dipendenti potessero presentare reclami senza timore di ritorsioni, ma i dipendenti attuali ed ex affermano che risulta difficile ottenere risposte.

Un dipendente ha dichiarato di aver dovuto chiamare ripetutamente e inviare un'e-mail alla società esterna assunta da Ubisoft per esaminare i reclami, solo per sentirsi dire che non avrebbero indagato sul suo reclamo senza motivo. Un altro riferisce che la sua denuncia, a quanto pare, non è mai arrivata agli esaminatori. A un altro è stato ripetutamente detto che il suo reclamo sarebbe stato preso in considerazione, salvo poi non ricevere nessuna mail di aggiornamento su come fosse stato risolto.

"Improvvisamente ho iniziato a capire la risposta che alcuni veterani sviluppatori Ubisoft mi hanno dato quando ho cercato di reclutarli per farsi avanti su problemi simili", ha detto un dipendente a Kotaku. "C'era sempre una variazione di 'Succede la stessa cosa ogni pochi anni, ho riportato un numero X di cose, con testimoni e prove e non è stato fatto nulla o la persona X è stata promossa o spostata'. È triste, e se è un modo intenzionale di seppellire questa roba, allora si può dire che sta funzionando".

Tra le altre cose, Ubisoft sembra stia continuando a negare ai dipendenti il ​​diritto di parlare pubblicamente dei problemi dell'azienda, come si evince da un'e-mail inviata allo staff dal direttore di Ubisoft Montreal Christophe Derennes. "Come sai, le tue esperienze e le informazioni a cui hai accesso mentre lavori in studio sono privilegiate e non possono essere condivise al di fuori dello studio" si legge nell'e-mail. "Ovviamente, questo non impedisce ai giornalisti di provare a contattarti. In tal caso, ti chiediamo di inoltrare la richiesta al nostro responsabile delle relazioni con i media. È la cosa giusta da fare, ma è anche un impegno che hai preso in base al Codice di condotta e al tuo contratto di lavoro".

In seguito a questi nuovi report, Ubisoft non ha fatto ancora nessun commento a riguardo.

Fonte: GamesIndustry

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article

Assassin's Creed Valhalla

PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S, PC

Related topics
A proposito dell'autore
Commenti