Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

'Ubisoft non ha ancora fatto abbastanza per eliminare tossicità e molestie': nuovi report dai dipendenti

I nuovi commenti non sono a favore di Ubisoft.

Più di due anni dopo che Ubisoft è stata scossa dai report sulla sua cultura del lavoro tossica, il gruppo di difesa dei dipendenti A Better Ubisoft afferma che il progresso delle riforme è stato "dolorosamente lento" e molti abusatori rimangono in posizioni dirigenziali all'interno dell'azienda.

In un post sul blog, il chief people officer di Ubisoft Anika Grant e il vicepresidente per la diversità globale, l'inclusione e l'accessibilità Raashi Sikka hanno fornito un aggiornamento sugli sforzi di Ubisoft per riformarsi dopo lo scandalo del 2020. I due hanno riferito di diverse nuove iniziative, come un programma globale di autoidentificazione in cui i dipendenti potrebbero condividere in modo confidenziale e volontario informazioni su genere, identità, etnia e disabilità. Hanno anche notato che le donne ora rappresentano il 25% di tutti i dipendenti Ubisoft (rispetto al 22% nel 2020) e il nuovo dipartimento Diversità e Inclusione aiuta a formare le risorse umane e la leadership verso comportamenti appropriati.

Tuttavia, A Better Ubisoft ha confutato molte delle affermazioni fatte nell'aggiornamento del blog della scorsa settimana. In un'intervista con il sito AC Sisterhood, A Better Ubisoft ha affermato che i progressi sono stati "minimi" e che i "presunti abusatori" rimangono al potere.

"È stato introdotto un sistema di denuncia degli abusi. Alcuni molestatori sono stati licenziati, ad alcuni è stato permesso di dimettersi silenziosamente e alcuni sono andati in pensione anticipata. Ma altri sono stati mantenuti, spostati in nuovi ruoli e studi diversi", ha affermato un dipendente sotto uno pseudonimo per proteggersi da un'eventuale ritorsione. "Alcuni sono stati persino promossi. Una manciata di leader delle risorse umane è stata sostituita ed è stato creato un nuovo dipartimento Diversità e Inclusione, ma alcune persone direttamente responsabili dell'archiviazione delle denunce e della protezione dei maltrattatori rimangono in carica oggi".

Il gruppo ha affermato di essere a conoscenza di almeno 9 persone che hanno abusato in passato e che lavorano ancora a livello dirigenziale all'interno di Ubisoft. Non solo ma il gruppo afferma che gli strumenti di segnalazione non sono utili perché non sono anonimi. I manager possono vedere chi segnala su di loro, lasciando i dipendenti esposti a ritorsioni.

Per quanto riguarda il nuovo dipartimento, A Better Ubisoft sostiene che è "incredibilmente a corto di personale e sottofinanziato, e quindi il progresso è dolorosamente lento". Il gruppo ha anche affermato che c'è una "chiara reazione interna" contro le iniziative del dipartimento, "con misure e un linguaggio progettati per prevenire comportamenti abusivi ora utilizzati per mettere a tacere e reprimere tutto il dissenso".

Fonte: Eurogamer

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article

Assassin's Creed Valhalla

PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S, PC

Related topics
A proposito dell'autore
Commenti