Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Valorant, la nuova mappa Pearl e le novità dell'Episodio 5

Alla scoperta della nuova mappa sottomarina Pearl e dell'Episodio 5 di Valorant.

Ancora una volta Riot Games ha posizionato un nuovo tassello nel mosaico di Valorant: lo sparatuttto competitivo della casa, che presto entrerà a far parte di Xbox Game Pass mettendo a disposizione di tutti gli abbonati il suo intero roster di Agenti, non accenna a voler abbassare il ritmo con cui riceve nuovi contenuti.

Di recente abbiamo infatti accolto Fade, la nuova Agente capace di diventare un tutt'uno con le ombre che ha portato a 20 la conta totale, e mentre non sono passati neppure due mesi da quel momento ci apprestiamo a presentarvi Pearl, ovvero la nuova mappa pensata per rinnovare ulteriormente la componente competitiva.

Anche se nel corso del tempo abbiamo imparato ad apprezzare gli sforzi degli artisti di Riot Games, che con ogni nuova release mirano a spingere la propria professione oltre il contesto del semplice videogioco, Pearl è una mappa particolare, perché fino a questo momento non era ancora accaduto sulle sponde di Valorant di trovarsi di fronte a un contenuto tanto carico dal punto di vista artistico. In questa pagina abbiamo raccolto tutte le novità di Pearl dopo aver provato la mappa, riservando tuttavia particolare attenzione alla cura riposta nella sua creazione.

Valorant, Nuova Mappa Pearl

Una veduta aerea di Pearl, la nuova mappa sotto il mare.

Pearl nasce dalla volontà degli sviluppatori di discostarsi dalla creazione di mappe basate su strani gimmick e tornare invece alla classica struttura tipica degli FPS strategici a squadre. Si tratta infatti di una mappa basata su tre lane dall'architettura tradizionale, priva di corde, porte da aprire e altre meccaniche che si discostino dalla semplice copertura. Ai fianchi del centro della mappa si estendono due ali più larghe, e per questa ragione le rotazioni seguiranno una dinamica più tradizionale.

Inizialmente al centro della mappa doveva ergersi un grande pozzo come quello che risiede al centro di Sparta nel film 300, ma alla fine è stato eliminato proprio perché cozzava con l'idea degli sviluppatori, ovvero quella di abbandonare strambe meccaniche per tornare alle care vecchie sparatorie competitive. Inoltre, l'ingresso in scena di Pearl segna l'addio di Split, che sarà rimossa dal pool di mappe a disposizione in modo da mantenere il totale a 7 mappe ed evitare che alcune non vengano giocate durante i best of 5 competitivi.

Essendo una mappa tradizionale, gli attaccanti devono scendere nella “terra” dei difensori attraverso tre lane che si aprono su una sezione mid piuttosto intricata, ovvero un quadrato di stretti corridoi nei quali la skill meccanica e le abilità degli initiator brilleranno sopra ogni altra cosa. Le due zone di plant sono piuttosto classiche, eppure estremamente diverse: una è decisamente più aperta e si apre su un segmento molto lungo, mentre l'altra premia le skill dei duelist nello stretto.

Pearl entrerà nel pool di mappe competitive e unrated in sostituzione di Split in coincidenza del rilascio della patch 5.0, che andrà live a partire dal 22 giugno. Nel frattempo abbiamo potuto giocare qualche match in anteprima, e possiamo confermarvi che il ritorno al passato e all'impronta tradizionale di Counter Striker non ci è dispiaciuto per niente, anzi. Ogni tanto è bello giocare una mappa semplice, diretta, senza fronzoli.

La planimetria di Pearl.

L'arte di Pearl

Oltre ad essere la prima mappa ambientata nell'universo di Terra Omega, Pearl si fa notare fin da subito grazie all'ambientazione sottomarina. La scelta di posizionare Pearl nel Portogallo subacqueo di Terra Omega risponde alla duplice volontà di mostrare come vengono gestiti i cambiamenti climatici nel mondo parallelo e di costruire una scenografia sottomarina. La fantasia, come sempre, mescola un futuro prossimo governato dalla tecnologia Kingdom con le tradizioni e gli scorci del paese ospitante, che in questo caso è il Portogallo.

A questo proposito, è stata fatta un'accurata ricerca architettonica per fondere la componente hi-tech del multiverso con le strutture tipicamente lisbonesi, dando vita a piazze e piccoli caffè della città di Perola che si intersecano con musei e strutture all'avanguardia. Meritano una menzione speciale i graffiti presenti sui muri della mappa, che sono stati realizzati da artisti portoghesi, e anche le note musicali di fado che risuonano in determinate zone, anch'essi prodotti da compositori del paese.

Pass Battaglia, Nuovo Rank Competitivo, Nuovo Bundle

Il nuovo Bundle Prelude to Chaos.

Con l'esordio dell'Episodio 5 dell'Atto 1 si alza il sipario anche sul nuovo Pass Battaglia e su un bundle di skin esclusive. Per citare le parole di Riot Games il bundle segue una tematica “sci-fi in grado di accontentare gli edgelord”, il che rappresenta una dichiarazione d'intenti piuttosto chiara e immediatamente distinguibile nelle immagini che potete trovare di seguito. Per quanto riguarda il Pass Battaglia sono tre le linee da tenere d'occhio, ovvero Shimmer, Spitfire e Task Force 809.

Guardian Spitfire
Marshall Task Force 809
Stinger Shimmer

L'Atto 5 vedrà anche l'introduzione di un nuovo Rank competitivo, ovvero Ascendant, che sarà direttamente sopra a Diamond ma al di sotto di Immortal. Per gli sviluppatori si trattava di un cambiamento necessario per favorire la distribuzione tra i rank, probabilmente perché Diamond stava diventando uno scatolone troppo grande e la forbice con Immortal tendeva ad allargarsi sempre di più.

Vi consigliamo di rimanere sintonizzati sulle nostre pagine perché le novità targate Riot Games, dentro e fuori dall'universo di Valorant, potrebbero non essere finite qui! Nel frattempo vi ricordiamo che quanto mostrato in questa pagina sarà disponibile nell versione Live di Valorant a partire dal prossimo 22 giugno.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Contributor

Cresciuto a pane, cultura nerd e videogiochi, i suoi primi ricordi d'infanzia sono tutti legati al Super Nintendo. Dopo aver lavorato dentro e fuori dall'industry, è finalmente riuscito ad allontanarsi dalle scartoffie legali e mettere la sua penna al servizio di Eurogamer.it.

Commenti

More Articoli

Ultimi Articoli