Skip to main content
Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Coach esport accusato di molestie sessuali verso un team femminile di Valorant allontanato da Rising Hope

"Speriamo solo che questo genere di predatori siano allontanati dalla scena."

Un coach accusato di molestie sessuali ha ora lasciato l'organizzazione di eSport serba Rising Hope.

All'inizio della settimana, la squadra di Valorant e il capo allenatore dei Rising Hope, Jehiel, si sono licenziati dopo che è stata sollevata una denuncia per molestie sessuali nei confronti di un altro allenatore, di nome Simons.

In una dichiarazione con un Twitlonger, Jehiel ha spiegato in dettaglio come Simons avrebbe regolarmente minacciato di mostrare i suoi genitali nonostante le frequenti richieste di non farlo.

"Potrebbe essere uno "scherzo interno" o qualcosa del genere, ma dal momento che sono un allenatore di sole giocatrici, l'ho trovato inappropriato", ha dichiarato Jehiel. "Così l'ho chiamato dicendogli che non era un bello scherzo e che avrebbe dovuto astenersi dal farlo perché non era divertente".

Si dice che Simons abbia mostrato i suoi genitali in una videochiamata su Discord durante l'allenamento della squadra, e che a quel punto Jehiel e la squadra tutta al femminile abbiano votato all'unanimità per lasciare Rising Hope.

"Dopo le scrim, io e il team abbiamo tenuto una riunione e abbiamo esaminato il filmato dello scrim, e abbiamo scoperto che Simons ha bevuto alcol in modo visibile sulla Discord cam mentre si comportava in modo inappropriato, e non è l'unica volta che le giocatrici lo hanno beccato", ha detto Jehiel.

L'incidente sarebbe avvenuto il 27 settembre. Pochi giorni dopo, Rising Hope ha twittato semplicemente per "dire addio" al team di Valorant senza menzionare le circostanze. L'organizzazione ha anche segnalato che gli allenatori Simons e mdvjk sono rimasti nell'organizzazione serba e avrebbero formato una nuova selezione.

Tuttavia, Rising Hope ha ora confermato che anche Simons non è più un membro dell'organizzazione di eSport.

"Siamo molto dispiaciuti che un'azione del genere sia stata intrapresa da uno dei nostri membri, vogliamo chiarire che non abbiamo ricevuto informazioni sufficienti, poiché alcuni membri dell'organizzazione le hanno tenute nascoste alla direzione generale", si legge in un tweet di Rising Hope.

Il post afferma anche che "tutte le persone coinvolte in questo incidente sono state multate" e si scusa con le ex giocatrici e "l'intera comunità".

Detto questo, la dichiarazione di Jehiel descrive in dettaglio come lui e il team abbiano parlato con il co-proprietario di Rising Hope Lazar, che inizialmente voleva mantenere Simons poiché è "una grande star".

Ha scritto: "Abbiamo aperto la discussione su Simons con la società per comunicare quello che aveva fatto. Abbiamo detto a Lazar che se non avesse eliminato Simons, saremmo stati noi a lasciare l'organizzazione, e Lazar voleva mantenere Simons nell'org perché "è una grande star", nonostante fosse d'accordo con i sentimenti della squadra riguardo il comportamento di Simons, che ci ha detto non si sarebbe più unito alla squadra nel ruolo di allenatore".

I report di DotEsports, hanno fatto emergere voci su altri aspetti del comportamento di Simons, tra cui il mancato pagamento delle vincite ai giocatori e opinioni controverse espresse sulla guerra in Ucraina.

Le scuse di Rising Hope arrivano pochi giorni dopo l'annuncio del lancio della sua Rising Hope University che offre un opportunità per diventare giocatore professionista di eSport, un'opportunità non aperta alle donne poiché "questa volta stiamo solo reclutando uomini".

Rising Hope tra le altre cose è membro di Riot's VCT Game Changers, un programma mirato per rendere gli eSport più inclusivi per le donne.

Questo incidente è un chiaro esempio delle molestie sessuali e della misoginia affrontate dalle donne negli eSport.

"Speriamo solo che questi tipi di predatori siano esclusi dalla scena poiché questo è ciò che sta distruggendo la comunità e dando all'industria dei videogiochi una cattiva immagine".