Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Gran Turismo 7: Polyphony Digital è pronta a considerare 'cheat' l'appoggiarsi al muro per curvare in ogni caso

Le vecchie abitudini sono dure a morire.

Chi di voi nei primi Gran Turismo non ha sfruttato la fisica a proprio vantaggio per effettuare curve ad altissima velocità appoggiandosi al muro? Sarete sicuramente in tanti e quello che è accaduto al Gran Turismo World Series ha sia qualcosa di nostalgico sia qualcosa che perplime.

Parlare nel 2022 del cosiddetto "Wall-Riding", con Gran Turismo 7 infatti, crea leggero imbarazzo visto che negli anni sono stati fatti enormi passi avanti nella fisica e nell'interazione con l'ambiente circostante eppure, questo non sembra aver colpito il lavoro di Polyphony. Per cui, uno dei piloti si è ritrovato a lamentarsi di un problema che in realtà, non dovrebbe esistere.

Durante il round 2 dell'evento Manufacturer Cup all'High Speed Ring è successo il fattaccio, con alcuni piloti che hanno approcciato il curvone ad alta velocità poggiandosi alle barriere, durante le prove e giustamente penalizzati in gara. Tuttavia, "fatta la legge, trovato l'inganno": secondo il regolamento, è permesso fare Wall-Riding in caso di contatto con un avversario e non bisogna andare molto lontano per capire dove stiamo andando a parare.

C'è infatti, chi ha pensato di frenare appena un attimo prima della curva, farsi tamponare ed effettuare in tutta tranquillità la curva incriminata senza ripercussioni. Visto che il numero di piloti che utilizzavano questo trucco è aumentato a dismisura, Polyphony sta esaminando la situazione, prendendo provvedimenti, estendendo probabilmente le punizioni inflitte al Wall-Riding anche in questi frangenti.

Tralaciando questo piccolo problema, vi ricordiamo che nel frattempo, GT7 si è aggiornato con tre nuove auto tra cui la mitica McLaren di Senna.

Fonte: GTPlanet

A proposito dell'autore

Marcello Ribuffo

Contributor

Commenti