Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Skull and Bones manca di profondità? Per alcuni sviluppatori il rischio flop è molto alto

Stando a un report ci sono molti dubbi su Skull and Bones.

Ormai i problemi di Skull and Bones di Ubisoft sono ben documentati. Il titolo di combattimento piratesco uscirà più avanti nel corso dell'anno a quanto pare a causa di un accordo di sovvenzione esistente con il governo di Singapore.

Con Ubisoft che ha rinviato Avatar: Frontiers of Pandora all'anno fiscale 2023-24, cancellando due titoli non annunciati insieme a Splinter Cell VR e Ghost Recon Frontline (per non parlare di Assassin's Creed Rift che, a quanto pare, è "molto in ritardo sulla tabella di marcia"), la pressione è alta in Ubisoft per trovare un nuovo successo.

Sfortunatamente, gli sviluppatori che stanno lavorando a Skull and Bones e che hanno parlato con Kotaku sono scettici sul fatto che il gioco possa rivelarsi un successo. Uno sviluppatore ha affermato che l'esperienza di gioco ha "poco" da offrire oltre a ciò che si è visto nel recente gameplay showcase.

Ha inoltre affermato che ogni parte del gioco manca di profondità, anche con tutti i diversi aspetti di raccolta di risorse e di simulazione di sopravvivenza. In quanto tale, il titolo potrebbe avere difficoltà dal punto di vista commerciale, data la mancanza di una vera e propria campagna e il prezzo di 70 dollari per PS5 e Xbox Series X/S. La mancanza di un gameplay avvincente fin dall'inizio potrebbe allontanare i giocatori dopo il lancio (il che potrebbe danneggiare ulteriormente i piani post-lancio).

Skull and Bones uscirà l'8 novembre su Xbox Series X/S, PS5, PC, Google Stadia e Amazon Luna.

Fonte: Kotaku.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti