Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Molyneux: “La monetizzazione è un concetto disgustoso”

E se la prende col free-to-play.

Peter Molyneux ha recentemente parlato del rapporto amore-odio che gli sviluppatori hanno con la monetizzazione del proprio lavoro, definendo quest'ultima 'un argomento disgustoso per uno sviluppatore'. Il suo team di sviluppo attuale, la 22Cans, ha lanciato recentemente con ottimi riscontri Curiosity, app gratuita che includerà presto delle microtransazioni.

“Questo non è un lavoro che andrebbe fatto per soldi. Ma alla fine bisogna essere onesti, i soldi servono”. Nonostante il suo stesso studio stia per appoggiarsi alle microtransazioni, Molyneux non è soddisfatto della situazione attuale nel mondo degli sviluppatori indipendenti.

“Quello che ci disgusta veramente, nel mondo indie, è l'avidità. Il free-to-play è l'esempio più evidente: è evidente che la maggior parte dei giochi F2P vuole solo prendere i tuoi soldi nel più breve tempo possibile. Ci sbattono in dieci ore di gameplay, prendono tutto quello che possono e ci sputano fuori. Ed è sbagliato."

"In molti titoli F2P che ho provato mi sono sentito sporco a spendere denaro: mi sono sentito impaziente, annoiato, e soprattutto mi sono sentito come se avessi barato”.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Emiliano Baglioni

Emiliano Baglioni

Contributor

Emiliano si affaccia al mondo dei videogiochi all’epoca del Vic 20. Vive la sua storia di giocatore pensando che prima o poi crescerà e mollerà il joypad, ma non abbandona mai la sua passione, che riesce in qualche modo misterioso a conciliare con tutto il resto.

Commenti