Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Presentato il progetto LoL University

Punta ad offrire borse di studio per i giocatori universitari di eSport.

Lo scorso giovedì 13 novembre, presso la Sala Azzurra del Centro Congressi dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, è stato presentato il progetto LoL University.

Ideato dagli studenti Simone Gambardella e Sara Vitale, della facoltà di informatica della medesima università, LoL University punta a promuovere gli eSport in ambito universitario, in particolare il popolare League of Legends, e ad offrire borse di studio agli studenti italiani, così come già avviene negli Stati Uniti, in Cina e in Corea.

I promotori del progetto, che si avvale della collaborazione di Legacy Go Pro, un portale web dedicato all'online gaming e organizzatore di eventi e tornei live come al Napoli Comicon, hanno cominciato a organizzare dei Club universitari, in cui i membri di una stessa università possono interagire ed accordarsi per presentare dei team, e a sviluppare uno spazio competitivo, attraverso tornei ed eventi, per premiare gli studenti.

L'evento di giovedì scorso è stata anche l'occasione per presentare le prime squadre universitarie di League of Legends, che hanno partecipato ad un torneo regionale organizzato appositamente.

Al Torneo Regional Battle, iniziato online, sono state invitate 8 squadre, rappresentanti delle Università campane: Università degli Studi di Napoli Federico II, Seconda Università degli Studi di Napoli, Università degli Studi di Salerno, Università del Sannio, Accademia di Belle Arti di Napoli, Università degli Studi di Napoli L'Orientale.

A proposito dell'autore

Avatar di Elio Cossu

Elio Cossu

Contributor

Morso da un C64 radioattivo in tenera età, si trasforma lentamente in un videogiocatore accanito e nerd di un certo livello. Lo si trova spesso a frugare tra i giochi indie alla ricerca di qualche perla nascosta.

Commenti