Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Abandoned in nuovi dettagli sulla storia principale e sul prezzo del Prologo

Qualche informazione in più dal director di Abandoned.

Abandoned è stato oggetto di polemiche per quasi un anno. Tuttavia, ora il fondatore di Blue Box Game Studio, Hasan Kahraman, ha parlato con IGN per mettere le cose in chiaro su alcune questioni.

Subito dopo l'annuncio del gioco, sono emerse voci secondo cui si trattava di un nuovo Silent Hill sviluppato da Hideo Kojima. Più di recente, i fan hanno creduto che il gioco fosse stato cancellato a causa dell'eliminazione di molti post sull'account Twitter di Blue Box Game Studios. Nell'intervista, Kahraman ha cercato di spiegare tutto.

Kahraman ha toccato due punti interessanti mai discussi pubblicamente prima. Il primo è la storia, incentrata sul protagonista che viene lasciato cadere nel mezzo della natura selvaggia e braccato da una setta.

Questo culto è guidato da un uomo malvagio, quello con la benda sull'occhio che alcuni fan hanno associato a Metal Gear Solid. Si scopre che quest'uomo, l'unico che dà la caccia ai giocatori durante il gioco, è il fratello del protagonista. Questo personaggio e suo fratello sono stati separati quando i loro genitori sono morti, ma il protagonista era troppo giovane per ricordare qualcosa, quindi non si rende conto di avere un fratello.

Non è stato toccato nessun altro dettaglio della storia, ma Kahraman ha aggiunto che Abandoned: Prologue, il gioco standalone che uscirà tramite Abandoned: Realtime Experience, dovrà essere acquistato per essere giocato. Il prezzo è basso secondo Kaharaman perché è solo un gioco di due ore, ma i guadagni aiuteranno a finanziare lo sviluppo del titolo principale.

Fonte: Gamepur.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti