Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Ghost of Tsushima tra 'fango, sangue e acciaio': i giocatori moriranno e uccideranno velocemente

Jin sarà vulnerabile esattamente come i suoi nemici.

Ghost of Tsushima di Sucker Punch sarà caratterizzato da molti scontri contro i nemici , come ha dimostrato l'enorme demo di gioco presentata nel corso dello State of Play di pochi giorni fa. E, durante le fasi combattimento, saremo vulnerabili esattamente come i nostri nemici, perché una mossa sbagliata potrebbe portare a una rapida morte.

"Descriviamo il combattimento nel gioco come fango, sangue e acciaio", ha rivelato il director del gioco, Nate Fox, nell'ultimo PlayStation Blogcast. "Volevamo che il combattimento fosse letalmente preciso. Se avete mai visto un film sui samurai, sapete di cosa stiamo parlando. Questi uomini si uccidevano a vicenda con un solo colpo di spada e, per catturare questa sensazione, qui combattere sarà molto diverso rispetto a molti altri giochi, perché potrete morire molto rapidamente e lo stesso vale per i nemici."

Gli sviluppatori hanno poi ricordato un'altra interessante meccanica di Ghost of Tsushima che vi consentirà di usare la paura come un'arma. "Sarà possibile eseguire determinate azioni che spaventeranno i mongoli fino a farli fuggire e questo potrà essere utilizzato a proprio vantaggio", ha continuato Fox. "Non sarà necessario uccidere tutti i nemici usando una classica tattica samurai. La paura sarà un'arma esattamente come la vostra spada."

In seguito al lungo video gameplay dello State of Play vi abbiamo riportato alcuni dei dettagli fondamentali emersi dalla presentazione.

Che ne pensate di Ghost of Tsushima?

Vi ricordiamo che Ghost of Tsushima arriverà il 17 luglio su PS4.

Fonte: Pushsquare.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti